Teatro Apollo di Mondavio - Questo weekend si avvia la stagione

Teatro Apollo di Mondavio - Questo weekend si avvia la stagione

La rassegna “Anche questo è teatro”: sabato e domenica “L’asta del Santo” de Gli Omini

Presentata qualche giorno fa in conferenza stampa, finalmente prende il via la stagione 2019/2020 del Teatro Apollo di Mondavio, sempre sotto la guida artistica della compagnia residente, gli Asini Bardasci. Con il patrocinio della Provincia di Pesaro Urbino, la collaborazione del Comune di Mondavio, il supporto di AMAT, e di sponsor quali Cantine Fiorini e l’Azienda Girolomoni, “Anche questo è teatro”, da novembre ad aprile, propone 11 spettacoli di cui alcuni in doppia replica (sabato alle 21.30 3 domenica alle 17) per ben 19 appuntamenti.  Ad aprire il sipario della stagione, questo weekend sarà il gioco-spettacolo de “L’asta del Santo” della compagnia Gli Omini, un caustico mercante in fiera di santi e loro storie.
 
L’Asta del Santo non è solo un gioco. Eppure non si può nemmeno dire sia uno spettacolo teatrale. Di certo c’è un mazzo di carte. E le vite dei santi. Un uomo solo di fronte alla folla. Un uomo che renderà Natale ogni giorno dell’anno. Che per la gente ha selezionato 52 santi tra i 4000 esistenti per narrarne vita, gesta, miracoli e poi farne un gioco da tavola, o da bettola, o da teatro. Ogni Santo ha una sua storia di straordinarie avventure, sovrannaturali peripezie, impensabili morti, superpoteri. E sta dipinto su una carta. Ogni storia verrà raccontata per vendere tale carta al miglior offerente. Il gioco sta nel credere forte in uno o più Santi, comprarli, puntare su quelli per arrivare in finale e vincere uno dei tre premi in palio. I giocatori di turno avranno la fortuna di assistere al duro percorso di santificazione dell’uomo solo dinnanzi a loro.
A precedere lo spettacolo, sabato 16, alle ore 19, si apre lo spazio Spin-off che vedrà la partecipazione di Simone Massi, illustratore e animatore che presenta il suo “Abbecedario”, un vero e proprio vocabolario della lingua marchigiana. A seguire, un aperitivo offerto a tutti i presenti.
Come per le precedenti stagioni, anche in questa, permane l’obiettivo di far riscoprire il teatro in quanto luogo di aggregazione della comunità. Un luogo visto non come mero spazio di divertimento ma come contenitore nel quale esplorare la ricerca dell’umano attraverso l’arte e la cultura. Proprio per questo, il Teatro Apollo nella versione degli Asini Bardasci, è crocevia di storie, quelle delle realtà che si presentano negli spazi Spin-Off, dei percorsi nel passato con i focus storici di Piero Livi, viaggio nei sapori tra tradizione e innovazione con le cene a teatro. Perché “l’andare a teatro” sia un tuffo a tutto tondo che dalla pancia alle mani al cuore sappia raccontare l’umanità di ieri e di oggi.
Abbonandosi alla stagione poi, si ha la possibilità di portare a casa un pezzetto di queste magiche atmosfere, grazie al progetto ribattezzato dagli Asini Bardasci “Maps!” che mira a portare in scena, nell’atmosfera di casa, uno spettacolo con oggetto la storia della famiglia ospitante.  

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa