Speciale #PesaroFF52: musica e cinema

Speciale #PesaroFF52: musica e cinema

Celebriamo l'inizio della 52^ edizione della kermesse con sette scene di film accompagnate alla perfezione dalla musica

di Luca Petinari

Dopo l'anticipazione con la proiezione di Rocky in Piazza del Popolo, parte ufficialmente la 52^ Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, che vedrà impegnati vari luoghi cittadini fino al 9 di luglio. Radio Prima Rete racconterà gli eventi e le curiosità della mostra in tre appuntamenti in diretta: oggi, martedì 5 e venerdì 8 luglio. Sulla scia dell'articolo dello scorso anno (che trovate qui), anche per questa edizione proponiamo sette scene di film musicate particolarmente bene:

Absolute Beginners (1986) / David Bowie - Absolute Beginners

Più che doveroso un omaggio a un'artista scomparso all'inizio dell'anno e che in più occasioni ha saputo unire la musica al cinema: David Bowie è il protagonista indiscusso di Absolute Beginners. Al tempo un flop di critica e botteghino ma divenuto col tempo un cult movie soprattutto grazie alla sua colonna sonora, nella quale spicca, appunto, il brano omonimo del Duca Bianco.

The Royal Tenenbaums (2001) / Nico - These Days

Wes Anderson racconta le vicende della particolarissima famiglia Tenenbaum. Una delle scene più toccanti è quella in cui Margot, figlia adottiva, rivede dopo anni il fratellastro Richie, i quali sono segretamente innamorati sin dalla tenera età. Ad accompagnare l'ennesimo colpo di fulmine, una dolcissima Nico con These Days.

Laurence Anyways (2012)  / Moderat - A New Error

Il canadese Xavier Dolan, che a soli ventisette anni ha già conquistato un posto d'onore nell'attenzione di critica e pubblico, è riuscito nel suo "Laurence Anyways" (2002) dove molti clipmaker non arrivano. Dolan costruisce e modella le immagini, i colori e la dinamicità di quella che è tra le scene più emozionanti della pellicola sulle note di A New Error, singolo del 2009 dei Moderat.

Fight Club (1999) / Pixies - Where Is My Mind

Consumismo e alienazione dell'uomo sono i temi principali del cult di David Fincher. E allora il film non potrebbe concludersi con domanda migliore di: where is my mind?

Her (2013) / Arcade Fire - Supersimmetry

Innamorarsi di una persona senza averla mai vista, ma avendone sentito solo la voce: trovare affinità e difetti, interessi e punti di vista ma solo immaginando l'interlocutore. E se poi fosse un'intelligenza artificiale? Gli Arcade Fire sono lo sfondo musicale dell'amore dolce, perverso e a tratti purissimo raccontato da Spike Jonze in Her.

High Fidelity (2000) / The Beta Band - Dry The Rain

Avete mai fatto classifiche? John Cusack alias Rob Gordon, protagonista della trasposizione cinematografica del romanzo di Nick Hornby, ne fa tantissime dal suo negozio di dischi. E il luogo si fa protagonista di una delle scene più divertenti nella quale viene fatta una scommessa tramite la Beta Band.

This Must Be The Place (2011) / Talking Heads - This Must Be The Place (Naive Melody)

Maradona e i Talking Heads: sono queste, due delle muse ispiratrici che Sorrentino ha voluto omaggiare nel ritirare l'Oscar per The Great Beauty come miglior film straniero. Ma il tributo alla band di David Byrne è cominciato già dal film che porta il nome di un brano della band newyorkese e che vede protagonista un Sean Penn in versione Robert Smith.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa