Turismo, ora Ricci guarda a Sharm el-Sheikh: nasce asse col Sinai del Sud

Turismo, ora Ricci guarda a Sharm el-Sheikh: nasce asse col Sinai del Sud

Delegazione guidata dal governatore con imprenditori: in ballo patto di fratellanza e accordi economici e culturali. «Intitoleremo una piazza o una strada a Pesaro». E il sindaco apre agli investitori egiziani: «Se interessati agli alberghi, noi disponibili al confronto»

 Matteo Ricci punta ai flussi asiatici ma guarda anche a Sharm el-Sheikh. Il sindaco piazza la mossa in tarda mattinata, riunendo nella sala rossa - attraverso il tramite di Nardo Filippetti - una delegazione egiziana di rilevanza guidata da Khaled Fouda Seddiq, governatore del Sinai del Sud. Con lui anche Walid Sebay, vicepresidente della Regione del Sinai del Sud. Oltre a una serie di figure di spicco nel settore viaggi (Anwar Helal, presidente Egyptian Vacation & Long Range; Tarek Badr, vicepresidente Long Range) e del mondo delle imprese (Amro Ismael, titolare della nota discoteca ‘La dolce vita’ di Sharm; Anwar Helal e Motieh Ismaeel, imprenditori alberghieri della regione). Delegazione che sarebbe rimasta entusiasta della città, tanto da proporre un vero e proprio patto di fratellanza: «Pesaro sarebbe la prima città italiana a stringere l’accordo. L’abbiamo scelta perché ha molte somiglianze con Sharm», dice il governatore del Sinai del Sud. Sul tavolo cooperazione e sviluppo culturale, turistico ed economico. «Invitiamo il sindaco a Sharm per siglare il patto. E a Pesaro potremmo intitolare anche una piazza o una strada…». Musica per le orecchie di Matteo Ricci. Che, affiancato dal vicesindaco Daniele Vimini e dal presidente del consiglio comunale Marco Perugini, rilancia: «Siamo onorati della visita. Così come del legame che si è creato attraverso Nardo Filippetti, uno degli imprenditori più importanti del territorio. Sharm è un luogo mitico per gli italiani: siamo contenti che da voi sia ripartito in modo forte il turismo». Su Pesaro: «Per tanti abbiamo vissuto quasi esclusivamente di industria, ma abbiamo grandi potenzialità turistiche. Negli ultimi anni stiamo spingendo sulla strategia. Siamo realtà balneare, ma l’obiettivo è offrire la città tutto l’anno. Anche con Rossini e la musica, ancora di più dopo il riconoscimento Unesco. Per questo stiamo costruendo una rete di centri medi italiani che investono sulla cultura, in modo da intercettare i nuovi flussi al di là dell’asse Roma-Firenze-Venezia. E vogliamo candidarci a città europea della cultura 2033». Poi la bicipolitana, gli eventi sportivi e dintorni. Un feeling che pare già sbocciato, tant’è che Ricci sottolinea: «Abbiamo molti aspetti che possono integrarsi con Sharm. Ricambieremo la vostra visita quanto prima. E in quell’occasione sottoscriveremo il patto di fratellanza». Inoltre (e non da ultimo): «Per crescere sul turismo abbiamo bisogno di più strutture alberghiere, con maggiore qualità. Se ci sono vostri imprenditori o investitori interessati, siamo disponibili a vederci con i nostri tecnici per individuare possibilità», chiude Ricci.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa