Accoglienza e immigrazione, Murgia a Malta: «Per una Pesaro e una Europa sempre più inclusiva e un futuro più giusto»

Accoglienza e immigrazione, Murgia a Malta: «Per una Pesaro e una Europa sempre più inclusiva e un futuro più giusto»

L’assessora alla Gentilezza ha partecipato al meeting del progetto S.I.Re.N della rete Border Towns and a Islands Network for a more Supportive, Inclusive and Responsible

 

L’assessora alla Gentilezza ha partecipato al meeting del progetto S.I.Re.N della rete Border Towns and a Islands Network for a more Supportive, Inclusive and Responsible

Accoglienza e immigrazione, Murgia a Malta: «Per una Pesaro e una Europa sempre più inclusiva e un futuro più giusto»

 

Il Comune di Pesaro è volato a Malta per parlare di accoglienza e inclusione, nell’ambito del progetto europeo S.I.Re.N Border Towns and a Islands Network for a more Supportive, Inclusive and Responsible Europe. «Mai come in questi giorni il tema immigrazione è prioritario e necessita di un impegno costante da parte dell’UE e ancor di più delle città, sempre in prima linea nell’accoglienza», ha spiegato l’assessora alla Gentilezza e Lotta all’Odio Camilla Murgia. Nella due giorni di meeting, dal 27 al 28 marzo, «Ci siamo concentrati su questioni relative alla solidarietà tra città e Paesi, ai bisogni comuni delle comunità e dei cittadini locali, a modi più efficienti di accoglienza dei migranti, puntando a una collaborazione per aumentare la responsabilità condivisa europea e degli Stati membri».

 

Oltre a Pesaro fanno parte di S.I.ReN i comuni di Grand Synthe (Francia), Lampedusa e Linosa (Italia), Agios Athanasios (Cipro), Strass in Steienmark (Austria), Siklosnagyfalou (Ungheria), Marsa (Malta), con il coinvolgimento della società civile, come l'ONG austriaca Suedwind, le ONG italiane Amref e Africa e Mediterraneo. «Città libere e di accoglienza di confine, con obiettivi condivisi e criticità comuni, che affrontati insieme possono diventare possibilità di crescita e integrazione Siamo tutti d’accordo che il fenomeno va affrontato in maniera sinergica, per una Pesaro e una Europa sempre più inclusiva e un futuro più giusto». All’incontro di Malta, che segue gli appuntamenti in Romani e Francia, ha partecipato anche Mohamed Wajdi Aydi referente del Ministero tunisino proveniente da Sfax  «insieme abbiamo ragionato di quello che succede dall’altra parte del Mediterraneo e quello che si può fare per coadiuvare i flussi migratori. Essere presenti a questi tavoli di confronto è importante per portare avanti le linee guida sottoscritte nella Carta per l’integrazione nelle città, promossa dalla rete europea Eurocities, per costruire comunità urbane inclusive in grado di promuovere i valori positivi della diversità e render ancor più Pesaro una città della buona accoglienza». Oltre all’assessora Murgia a Malta erano presenti anche Elisa Semprucci ed Elisabetta Guidi, che seguono il progetto con il Comune di Pesaro. Nelle prossime settimane seguirà l’ultimo appuntamento del progetto S.I.Re.N Border Towns and a Islands Network for a more Supportive, Inclusive and Responsible Europe, in Austria.

 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • Cantiano Fiera Cavalli
  • cna
  • La nuovissima APP di Radio Prima Rete
  • confcommercio
  • amat
  • hotel alexander
  • Cinema Giometti
  • panicali trebbi
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa