Volley femminile Serie A, intervista a Lise Van Hecke della myCicero Volley Pesaro

Volley femminile Serie A, intervista a Lise Van Hecke della myCicero Volley Pesaro

"Quando stai bene con un gruppo e un allenatore è normale riuscire a fare certe prestazioni"

di Ufficio Stampa

E' tornata in Italia per riannodare un filo che si era un po' sfilacciato tra il Brasile e la Turchia e lo sta facendo a modo suo, ossia a suon di punti. Lise Van Hecke anche contro Bergamo è risultata tra le migliori (eletta MVP dell'incontro con il 44% in attacco, frutto di 17 punti e 5 muri).

“Abbiamo disputato proprio una bella partita – esordisce la bionda belga – A parte l'avvio, abbiamo sempre comandato il gioco chiudendo la contesa e  riducendo al minimo la percentuale di errore. Perchè l'avvio lento? Eravamo consapevoli dell'importanza della gara ma abbiamo subito il loro entusiasmo iniziale che ci ha messo un po' in difficoltà. La loro battuta era ficcante e non riuscivamo a ricevere bene: così è diventato tutto più complicato. Però è durato poco e la risposta è stata da grande squadra. Abbiamo ottime capacità di reazione! E' già successo con Novara, Casalmaggiore, Scandicci e con Bergamo di fare rimonte incredibili: dobbiamo però capire il perchè abbiamo bisogno di prendere un cazzotto prima di reagire... Però è importante farlo e noi finora abbiamo sempre risposto bene alle sollecitazioni”.

Anche Lise si allinea con chi sentito finora sull'importanza del gruppo e su un allenatore sì all'esordio come head coach nella massima categoria, ma che sta dimostrando qualità nascoste solo per chi non lo conosce in maniera approfondita.

“Che dire, è così: stiamo bene insieme, lavoriamo tanto e bene e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il nostro obiettivo resta la salvezza e finchè non avremo raggiunto la matematica certezza della permanenza in serie A non abbasseremo la guardia, poi vedremo. Ma sono fiduciosa perchè stiamo crescendo di partita in partita e anche se domenica ci aspetta un incontro delicato contro una formazione in forma come Busto Arsizio, andremo là con la consapevolezza dei nostri mezzi e del nostro buon momento”.

Chiosa finale su se stessa.

“Quando stai bene con un gruppo e un allenatore è normale riuscire a fare certe prestazioni. Vengo da due stagioni non brillantissime e a Pesaro sto ritrovando me stessa: sono molto felice!”

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa