Viaggio tra i libri di Ernesto Rossi: la “strana” biblioteca di uno “strano” economista

Viaggio tra i libri di Ernesto Rossi: la “strana” biblioteca di uno “strano” economista

Venerdì 8 novembre, alle ore 17.00, presso la Sala Fondazione Carifano

Ernesto Rossi è con Altiero Spinelli ed Eugenio Colorni tra i principali promotori del federalismo europeo. Nel 1941 insieme a Spinelli, con il quale era al confino perché in opposizione al regime fascista, fissò i principi e le idee del progetto europeo nel Manifesto di Ventotene. La sua figura verrà ricordata venerdì 8 novembre alle 17.00 alla Sala di Rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio di Fano in un appuntamento organizzato dall’Università dei Saperi “Giulio Grimaldi”.
L’occasione è la presentazione del libro La “strana” biblioteca di uno “strano” economista. Viaggio tra i libri di Ernesto Rossi, del fanese Massimo Omiccioli, dirigente della Banca d’Italia alla quale è stata ceduta qualche anno fa la raccolta dei libri di economia ad egli appartenuti e che da subito ha assunto l’impegno a conservare, valorizzare e mettere a disposizione della collettività i testi, che sarebbero così entrati a far parte del patrimonio della Biblioteca della Banca d’Italia intitolata a Paolo Baffi.
La sua vicenda umana e storica verrà ricordata dall’autore in una conversazione con la storica Antonella Braglia, studiosa del pensiero antifascista e federalista europeo, autrice di saggi e monografie su Ernesto Rossi il quale fu fondatore con Salvemini e con i fratelli Rosselli del movimento antifascista Giustizia e Libertà.
Si tratta di un viaggio tra i libri di quello che viene definito “strano economista” perché la sua formazione non avvenne tra Università e centri studi ma nelle carceri del regime fascista dove, per sopravvivenza economica e per superare l’isolamento carcerario, studiò e tradusse libri di importanti economisti. È un’occasione per fare il punto sul suo pensiero, sulle difficoltà a causa della censura fascista di leggere i libri in carcere, dove passò circa 13 anni tra prigioni varie e confino, sul sostegno avuto dalla moglie e dalla madre nel procurarsi i libri, sul rapporto con Luigi Einaudi (economista, futuro Governatore della Banca d’Italia e Presidente della Repubblica Italiana), sulle origini del pensiero federalista, sull’esilio in Svizzera fino alla  liberazione, e sul ruolo che ebbe nel dopoguerra.
Emergerà la figura ancora attuale di un pensatore che si sentiva più europeo che italiano, e che, durante il secondo conflitto mondiale, teorizzava le motivazioni storiche e politiche dell’unificazione europea per giungere alla costituzione degli Stati Uniti d’Europa.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa