Varotti (Confcommercio): "Semplificare le restrizioni per i ristoranti"

Varotti (Confcommercio):

Leggiamo sui quotidiani: «Spiaggia: distanze non rispettate, ombrelloni spesso affollati, mascherine accessorio; distanza di lettini ombrelloni proprio come nel 2019». E poi: «assembramento nei luoghi della movida, distanziamenti inesistenti»

Ed allora la domanda viene spontanea:  perché non semplificare le linee guida per i ristoratori?
Abbiamo visto lo scrupolo con cui i ristoratori hanno adottato le norme per il contenimento del virus: mascherine, gel all’ingresso, sanificazione, distanza di oltre 1 metro, igienizzazione costante, eliminazione menù cartacei, controllo delle distanze per comitive, utilizzo di prodotti monouso, ecc. Comportamenti virtuosi che però generano un notevole impegno organizzativo. E tutto ciò mentre, a leggere i quotidiani, fuori dal ristorante (e direi anche fuori dai negozi) non c’è questo rispetto. Questa attenzione.
Ed allora è necessario semplificare la vita dei nostri ristoratori e ridimensionare il protocollo regionale.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa