Tratta Fano-Urbino, Biancani: "Ferservizi blocca la vendita in attesa dell'incontro con la Regione"

Tratta Fano-Urbino, Biancani:

"Da questo confronto che si terrà nelle prossime settimane deve emergere chiaramente che la tratta deve restare in mano pubblica"

“La lettera inviata dal Presidente della Giunta regionale, Luca Ceriscioli, a seguito della mia richiesta e della interrogazione che ho presentato in Consiglio regionale, ha portato Ferservizi a sospendere la vendita di una parte della tratta Fano – Urbino in attesa dell’incontro richiesto dalla Ragione.” Soddisfazione nelle parole del Consigliere regionale, Andrea Biancani, Presidente della Commissione Trasporti della Regione dopo essere venuto a conoscenza dell’intenzione da parte delle Ferrovie dello Stato di soprassedere alla vendita di un tratto della Fano – Urbino in attesa di venire ad un confronto con la Regione Marche.

“Da questo confronto che si terrà nelle prossime settimane – prosegue Biancani – deve emergere chiaramente che la tratta deve restare in mano pubblica. Verificheremo, ovviamente, le condizioni che saranno presentate da RFI, Ferservizi e Ferrovie dello Stato, ma il tratto deve restare integro per agevolare ogni eventuale progetto futuro sia come servizio turistico ferroviario, sia come servizio di linea metropolitana o tram.”

La mozione, presentata da Biancani prevede anche la realizzazione di un progetto, da parte della SVIM (Sviluppo Marche S.p.A.) per promuovere la mobilità ciclopedonale salvaguardando la possibilità di riconvertire, in futuro, la linea ferroviaria. Questo potrebbe consentire un utilizzo pubblico e in tempi brevi di una infrastruttura così importante per la promozione del territorio.

Progetto che la SVIM sta inserendo tra gli obiettivi previsti per il 2017.

Ripercorrendo i fatti che si sono susseguiti, si ricorda che Biancani su questa vicenda presentò due mozioni in Consiglio regionale approvate dall’Assemblea legislativa, a ottobre 2015 e a dicembre 2016, che mettevano nero su bianco: “La tratta non va spezzettata e deve restare in mano pubblica.”

Poi a seguito della notizia che RFI intendeva alienare un immobile nelle immediate vicinanze della Stazione di Fano, Biancani ha presentato una interrogazione in Consiglio regionale e chiesto un incontro al Presidente Ceriscioli che subito si è attivato inviando una lettera ai vertici di RFI, Ferservizi e Ferrovie dello Stato per fermare la vendita e chiedere un incontro urgente.

“L’accoglimento della richiesta formulata dalla Regione - afferma Biancani – consentirà di approfondire la questione. Lo scorso 2016, nel corso di un incontro tra i vertici di Ferrovie dello Stato e Ferservizi, e gli Assessori Sciapichetti, Casini e il Consigliere Biancani, la Regione ha chiesto esplicitamente che la tratta doveva restare intatta e nessuna parte alienata. In quell’occasione fu unanimemente deciso di pubblicare una manifestazione di interesse finalizzata a individuare eventuali operatori interessati al ripristino della tratta ferroviaria Fano-Urbino, sia come servizio turistico ferroviario, sia come servizio di linea metropolitana o tram. Da allora per la Regione le richieste restano invariate e saranno messe in campo tutte le azioni necessarie per attuarle. Fondamentale in questa fase è che anche gli altri Enti locali interessati si attivino per un’azione sinergica con la Regione.”

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa