Strade ex-Anas, Biancani: «Nel 2020 oltre 22 milioni di euro per la manutenzione delle principali strade nella provincia di Pesaro-Urbino»

Strade ex-Anas, Biancani: «Nel 2020 oltre 22 milioni di euro per la manutenzione delle principali strade nella provincia di Pesaro-Urbino»

Incontro sulla programmazione dei lavori, tra i cantieri nuove asfaltature su Fogliense, Urbinate, Montelabbatese, Cesanense e Apecchiese. Interventi anche lungo la Flaminia, la Metaurense e la Pedemontana

La programmazione dei lavori nel 2020 al centro dell'incontro tra il consigliere regionale Andrea Biancani (Pd), presidente della commissione ambiente e infrastrutture, e i referenti Anas per le Marche. Nel corso della riunione sono stati elencati i cantieri di prossima apertura che comprendono sia le strade ex statali che quelle regionali gestite da Anas a seguito dell'accordo con la Regione firmato nell'ottobre del 2018. «Durante l'incontro – spiega Biancani – abbiamo fatto il punto sugli interventi previsti per il 2020, focalizzando l'attenzione sui cantieri più urgenti». Partendo dalla vallata del fiume Foglia, saranno eseguiti lavori di asfaltatura lungo la Fogliense, per circa 5 milioni di euro, «di cui 1 milione – puntualizza il consigliere - partiranno da subito, interessando i comuni di Tavullia, Montecalvo in Foglia, nello specifico la frazione di Borgo Massano, Sassocoravaro e Lunano, mentre i restanti 4 milioni saranno investiti in cantieri in programma a settembre». Nuovi asfalti anche sull'Urbinate, dal “Cimitero degli Inglesi” di Montecchio, proseguendo a Morciola, Gallo di Petriano in direzione Urbino, per un totale di 1,5 milioni di euro, «in questo tratto i lavori sono pariti di e si concluderanno entro l'estate – aggiunge Biancani – e lo stesso importo di 1,5 milioni di euro sarà investito tra fine estate e autunno anche per la Montelabbatese, nel tratto tra Pesaro e Morciola». Nella vallata del fiume Cesano a breve avvio dei lavori di manutenzione per 2,6 milioni di euro sulla Cesanense, nel tratto tra Marotta e Cagli, mentre nella vallata del Metauro sono in programma prossimamente interventi sulla Pedemontana, tratto Lunano-Sant'Angelo in Vado, per 1 milione di euro, e sulla Metaurense, da Fermignano a Urbania, per 1,5 milioni di euro, «anche qui i cantieri si apriranno tra fine estate e autunno, mentre tra breve partiranno quelli tra Cantiano e Fossombrone per circa 1,6 milioni di euro». Per quanto riguarda l'Apecchiese, una strada regionale gestita da Anas, sono stati previsti lavori prossimi all'avvio per 2 milioni di euro nel tratto Acqualagna-Apecchio, «in questo caso sono fondi regionali, la metà investiti per partire subito, il resto tra fine estate e autunno». Biancani ricorda anche la prima, consistente tranche di lavori già avviata da diverse settimane, che consiste nella messa in sicurezza delle Gallerie, «in totale 6 milioni di interventi, di cui 3milioni per la realizzazione del nuovo impianto di illuminazione al led dentro la Galleria del Furlo, in entrambe le canne, e 3 milioni per laGalleria Pian del Ponte, lungo la Flaminia, all'altezza di Fossombrone, per il risanamento di tipo strutturale del tunnel, con l'obiettivo di eliminare le infiltrazioni». Tra i temi affrontati durante l'incontro anche il rallentamento del traffico, «ci siamo confrontati sulle possibili ripercussioni sull'esodo estivo – precisa Biancani – , Anas dovrebbe interrompere i cantieri per qualche settimana, su alcune strade, dalla fine di luglio a dopo ferragosto». «Sommando tutti gli interventi in programma per il 2020 – conclude il consigliere regionale – stiamo parlando di investimenti in manutenzione per oltre 22 milioni di euro nelle principali strade di competenza statale e regionale nella provincia di Pesaro-Urbino. E' un risultato notevole che conferma l'efficacia dell'accordo raggiunto tra Regione, Provincia e Anas. Non tutte le regioni sono riuscite a concretizzare il passaggio di competenze, noi ce l'abbiamo fatta, grazie soprattutto al lavoro di squadra e grazie all'impegno del Presidente Ceriscioli e dell'assessore Anna Casini. I vantaggi in termini di risorse, sicurezza e miglioramento delle strade stanno arrivando in modo tangibile, offrendo anche opportunità di lavoro, in una fase economica così difficile, alle imprese del territorio».

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa