Soccorso a bagnante in difficoltà

Soccorso a bagnante in difficoltà

Intervento nella mattinata di ieri della Capitaneria di Porto e della Guardia Costiera di Pesaro

Nella tarda mattinata di ieri è stata condotta, in tempi rapidi, dagli uomini della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Pesaro, un’operazione di salvataggio della vita umana con la preziosa collaborazione del personale della Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Pesaro e del Servizio ospedaliero 118.

Infatti, poco prima delle ore 13:00, perveniva presso la sala operativa della locale Guardia Costiera tramite il canale di soccorso marittimo VHF Ch. 16 una segnalazione di emergenza da parte di un conduttore di unità da diporto, a sua volta allertato dall’assistente bagnante della spiaggia libera di Fiorenzuola di Focara - Sotto il Monte San Bartolo - per un improvviso malore occorso ad una ragazza di 30 anni P.P., straniera e residente in Emilia Romagna, che sentitasi male era svenuta e non sembrava dare segni di ripresa.

Veniva immediatamente disposto l’intervento della Motovedetta S.A.R. (Search and Rescue) CP 872 con il battello G.C. 330 entrambi impiegati nel dispositivo di polizia marittima e sicurezza della balneazione “Mare Sicuro”, con a bordo il personale O.P.S.A. (Operatori Polivalenti Salvataggio in Acqua) e un infermiere del Comitato Locale di Pesaro della Croce Rossa in virtù del Protocollo di Intesa stipulato nel mese di Marzo u.s.

Sopraggiunti nello specchio acqueo di Fiorenzuola, l’infermiere e il personale CRI a mezzo del gommone della Guardia Costiera arrivavano in spiaggia e prestavano le prime cure sanitarie.

Messa in sicurezza sulla barella spinale, veniva dapprima posizionata sul gommone e poi trasbordata sulla motovedetta CP872 che alla massima velocità si dirigeva per il porto di Pesaro ove era già stata inviata da parte del Servizio Ospedaliero 118 una ambulanza, per il trasporto in ospedale ed i successivi accertamenti specifici del caso.

“L’intervento di ieri, nonché quelli effettuati nei giorni scorsi” – ha sottolineato il Comandante della Capitaneria di Porto di Pesaro Capitano di Fregata Angelo Capuzzimato – “sono il chiaro esempio di come il Protocollo di intesa abbia cristallizzato perfettamente le procedure operative del soccorso in mare della Guardia Costiera con il soccorso sanitario della Croce Rossa rappresentando un effettivo potenziamento del servizio svolto a salvaguardia della vita umana in mare”.

 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa