Riviera Banca si è presentata alla città di Pesaro

Riviera Banca si è presentata alla città di Pesaro

Caldari: <>. Conti: <>. Pula: <>.

E' stato il giorno di RivieraBanca a Pesaro. Il nuovo istituto di credito si è presentato alla città con tre iniziative molto partecipate e seguite. Posti esauriti nella sala convegni dell'hotel Excelsior per l'iniziativa “Tourism Innovation”. Molti operatori turistici della città hanno ascoltato con attenzione le relazioni di Gian Marco Montanari, amministratore delegato e fondatore di “Albergatore Pro srl”, Carlo Spagliardi, amministratore delegato di “Credit Data Research” e infine di Matteo Merlini dell'Area Mercato di Riviera Banca. Ad introdurre l'iniziativa l'intervento del presidente di Riviera Banca Fausto Caldari. <<Abbiamo rimosso i nomi dei due istituti che si sono aggregati ma non abbiamo cancellato la nostra storia e i nostri valori – spiega Caldari - Vogliamo essere una banca solida con una struttura ed un'organizzazione efficiente per sostenere le imprese. Una banca che, nel segno della reciprocità, cerca la collaborazione della comunità locale ed in particolare degli imprenditori per incrementare operatività e volumi. Vogliamo diventare un punto di riferimento per Pesaro e non solo. Collaboriamo da sempre con l'Asur, il Comune e le associazioni no profit del territorio. Una collaborazione che, come Riviera Banca, vogliamo rafforzare ulteriormente. Con iniziative come quelle di oggi: dal convegno alla presentazione del volume “Noi Pesaresi”. Vogliamo essere una banca locale a servizio della comunità>>.
 
Il direttore generale dell'istituto di credito Gianluca Conti ha invece definito gli obiettivi futuri e il ruolo che intende esercitare la banca nel territorio. <<Vogliamo essere una banca locale capace di esercitare un ruolo di intermediario non solo finanziario ma anche economico – spiega Conti - E questo significa relazionarsi con il territorio e con i suoi bisogni. Abbiamo importanti iniziative da portare su Pesaro: dallo “Smart city point” alla “Ventis news” fino alla “Ventis city”. Vogliamo essere parte integrante dell'economia di Pesaro attraverso relazioni con istituzioni, imprenditori e famiglie. E questo si fa tramite ascolto e comprensione. Noi oggi siamo qui per iniziare un percorso insieme che vogliamo rafforzare e proseguire>>. Sulla stessa lunghezza d'onda anche il vicepresidente di Riviera Banca Fabio Pula. <<Riviera Banca è un progetto che guarda al futuro – spiega Pula - Si sono unite due banche sane. Noi pensiamo che le banche locali non si possano più chiudere nelle proprie riserve indiane. L'Italia deve ripartire dai territori ma i territori devono iniziare a dialogare e ad confrontarsi creando tra loro una vera e propria rete. Così facendo la banca diventa un attore protagonista con un'idea di business innovativa. Vogliamo unire l'innovazione e la modernità alla socialità. Grazie a Riviera Banca uniamo idealmente due realtà superando i vecchi campanilismi e proponendoci come banca locale solida e in grado di esercitare un ruolo di intermediario economico oltre che di intermediario finanziario>>.
 
Alle 16 poi la giornata è entrata nel vivo con l'inaugurazione della filiale di viale della Repubblica. Una nuova banca che, come ha sottolineato lo stesso sindaco di Pesaro Matteo Ricci (presente all'inaugurazione insieme tra gli altri al vicesindaco Daniele Vimini e al consigliere regionale Andrea Biancani), va a colmare un “vuoto” nella zona Mare dove da tempo ormai mancava uno sportello bancario ed un bancomat per i residenti della zona ma soprattutto per i turisti. <<La nuova filiale di Riviera Banca offre un servizio importante ai pesaresi e ai turisti perché nella zona Mare mancava da tempo una banca ed uno sportello bancomat – dice Ricci - Plaudo anche alla fusione tra BCC Gradara e Rimini Banca perché ha portato alla costituzione di un gruppo bancario più solido. Una riforma che però non è stata calata dall'alto bensì è partita dal basso>>. Il gran finale si è svolto invece nella suggestiva cornice dell'Auditorium Pedrotti dove oltre 400 persone hanno assistito alla presentazione del libro “Noi pesaresi” di Stefano Giampaoli: un'iniziativa realizzata in collaborazione con il Resto del Carlino e con il patrocinio del Comune di Pesaro. Il volume, che trae ispirazione dalla rubrica del Resto del Carlino (a cura del giornalista Franco Bertini) “Noi pesaresi”, parla della città e dei suoi cittadini e di quel forte senso di appartenenza che ogni pesarese prova per Pesaro: la pesaresità. Quasi due ore trascorse con leggerezza tra aneddoti divertenti e racconti che, ormai, hanno segnato la storia della città. Al termine della presentazione è stato donato a tutti i partecipanti una copia del libro. Il finale perfetto per una giornata che ha celebrato nuovamente il radicamento di Riviera Banca nel territorio.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa