Rinnovata la lapide dedicata agli atleti, tecnici e dirigenti che hanno fatto grande il nuoto pesarese

Rinnovata la lapide dedicata agli atleti, tecnici e dirigenti che hanno fatto grande il nuoto pesarese

Della Dora: “Intervento voluto per tenere viva la memoria”

Valorizzare e tenere viva la memoria di chi ha fatto la storia del nuoto pesarese. Con questo intento, Comune di Pesaro e Panathlon hanno rinnovato la lapide che ricorda atleti, tecnici e dirigenti che hanno scritto capitoli importanti di questa disciplina. “La targa è stata integrata con i nomi delle persone scomparse negli ultimi anni – così l’assessore con delega allo Sport Mila Della Dora, ricordando l’inaugurazione del 2015 -. In più è stato posizionato un faretto, per renderla visibile anche nelle ore notturne, e creato un piccolo spazio antistante libero dal parcheggio. Questo intervento è stato voluto per tenere viva la memoria e per dare il giusto valore a chi ha saputo scrivere la storia sportiva della nostra città”. La lapide è posizionata all’ingresso dell’impianto comunale Parco della Pace: “Una struttura versatile, grazie anche alla collaborazione di Sport Village, che attualmente ospita l’unica piscina olimpionica delle Marche. Un luogo di grande respiro per le attività sportive, che si prepara ad ospitare parte delle attività dei Mediterranean Beach Games del 2023 -  ha concluso l’assessore Della Dora, ricordando l’importante manifestazione che coinvolgerà 11 discipline sportive – . Molte competizioni si svolgeranno nella piscina del Parco della Pace, altre in spiaggia e in mare aperto, luogo in cui per anni i campioni del passato hanno nuotato e si sono allenati”. Oltre all’assessore Della Dora erano presenti: Angelo Spagnuolo presidente Panathlon, Alberto Paccapelo vice presidente nazionale, Carlo Campanari direttivo Panathlon e tra i promotori dell’iniziativa.   
“La richiesta del Panathlon è stata accolta e realizzata in tempi rapidi, nonostante l’emergenza Covid-19 – ha ricordato il presidente Spagnuolo - se oggi la nostra città può ospitare eventi come i Mediterranean Beach Games è perché la città ha una grande storia sportiva alle spalle”. 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa