Ricci e Ucchielli lanciano gli «Stati generali della nostra terra» per programmare la ‘rinascita’ del territorio

Ricci e Ucchielli lanciano gli «Stati generali della nostra terra» per programmare la ‘rinascita’ del territorio

L’iniziativa venerdì 3 luglio a Monteciccardo. «Progettiamo la ripartenza generale dopo l’emergenza covid partendo dall’Unione dei Comuni». Interlocutori provinciali e regionali chiamati a raccolta

Mentre il premier Giuseppe Conte va avanti con gli «Stati generali dell’economia» per progettare il rilancio del Paese, Matteo Ricci e Palmiro Ucchielli lanciano gli «Stati generali della nostra terra» per programmare «la rinascita del territorio». L’iniziativa si terrà venerdì 3 luglio a Monteciccardo. «Ci interrogheremo sul futuro partendo dall’Unione dei Comuni, ma ragionando anche con il resto del territorio provinciale e regionale», evidenziano i due primi cittadini. Spiega il sindaco di Pesaro Matteo Ricci: «Abbiamo vissuto un momento drammatico dal punto di vista sanitario e ora lo stiamo cominciando a vivere anche sul piano socioeconomico. Il territorio ha resistito ma dobbiamo avere la forza di riprogrammare il futuro alla luce dell’emergenza covid, di cui speriamo di esserci lasciati alle spalle la fase peggiore. Per questo – sottolinea Ricci - riaggiorneremo la programmazione del territorio sul lato sociosanitario, economico e lavorativo, turistico e culturale, ambientale. Lo faremo chiamando a raccolta per una giornata intera interlocutori del territorio ma anche soggetti autorevoli provenienti da fuori, per programmare la rinascita della nostra terra». Osserva il sindaco di Vallefoglia e presidente dell’Unione dei Comuni Pian del Bruscolo Palmiro Ucchielli: «Nella giunta dell’Unione tenuta ieri, d’intesa con i sindaci, abbiamo deciso di organizzare questa iniziativa sullo stato dell’Unione dei Comuni. Che è quella più grande delle Marche e ha quasi 16mila imprese. C’è bisogno di una riflessione approfondita sulle attività strategiche per il futuro dell’Unione e in particolare sui settori produttivi e dell’economia fondamentali per creare lavoro, sviluppo e crescita». Il programma sarà reso noto nei prossimi giorni.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa