Ricci: «Al lavoro per riaprire nella massima sicurezza bar, ristoranti, gelaterie e parrucchieri dal 18 maggio. Prudenza, rispetto delle regole e protezioni»

Ricci: «Al lavoro per riaprire nella massima sicurezza bar, ristoranti, gelaterie e parrucchieri dal 18 maggio. Prudenza, rispetto delle regole e protezioni»

‘Daremo suolo pubblico gratuitamente alle attività. No alle spiagge libere agli stabilimenti, porterebbe a discriminazioni tra bagnini. Piuttosto attrezziamole con servizi base’

Matteo Ricci rinnova gli appelli alla cautela e alla prudenza: «Seguiamo le regole, dal distanziamento alle mascherine. Serve la responsabilità di ognuno. Se non faremo passi falsi, potremo sperare in un’estate quasi normale specie da luglio in poi. Altrimenti rischiamo di compromettere non solo l’estate, ma tutto il 2020». L’invito del sindaco alla disciplina vale, a maggior ragione, in vista del 18 maggio: «Lunedì riapriranno alcune attività: bar, ristoranti, gelaterie, parrucchieri, barbieri. Ho sentito stamattina il presidente della Regione Luca Ceriscioli», dice dopo la giunta. «La riapertura è possibile grazie ai dati incoraggianti degli ultimi giorni. Ma dobbiamo stare attenti. Per questo, oggi ci siamo organizzati in giunta per farlo nel migliore dei modi. Da lunedì ci saranno controlli sulle attività economiche. Oltre che sui negozi, per i quali la riapertura era già in programma per il 18 maggio». Inoltre, «vogliamo dare suolo pubblico a tutte le attività che hanno bisogno di spazio per garantire sicurezza. Dal centro al mare, passando per i quartieri. L’assessore Frenquellucci seguirà le richieste. Di certo daremo suolo pubblico gratuitamente già dalla prossima settimana. Magari sarà l’occasione per sperimentare nuovi tratti di aree pedonali o Ztl, per spingere ulteriormente sulla sostenibilità».  Inoltre: «Siamo in attesa del decreto maggio. Lì ci sono molte risposte alle attività che hanno sofferto di più. Speriamo che le risorse arrivino velocemente. E’ importante che prima del 18 maggio ci siano certezze sul sostegno alle attività che devono riaprire: aiuti a fondo perduto, ammortizzatori sociali e credito».
 
IL FUTURO – Estate e dintorni: «Siamo impegnati a fare ripartire la stagione, ma dipenderà dall’andamento del virus. Per questo, adesso, raccomandiamo cautela: una ricaduta avrebbe un effetto devastante. Bene il bonus vacanze per recuperare con il turismo italiano. Spiagge libere agli stabilimenti? Siamo contrari: rischiamo di fare discriminazioni tra bagnini. Sono pochi quelli che confinano con i tratti liberi. Significa avvantaggiare qualcuno a discapito di tutti gli altri. Piuttosto, pensiamo che sia il momento per attrezzare ancora meglio le spiagge libere con servizi di base. Ho chiesto alla giunta di ragionare su questo punto L’apertura della stagione estiva, se tutto sarà confermato, è prevista per il 29 maggio». Evidenzia Ricci: «Oltre al tema della mappatura, ancora confuso, l’altra criticità della fase due riguarda i bambini. Noi siamo pronti a organizzare centri estivi e servizi educativi temporanei per aiutare le famiglie, ma dobbiamo avere una normativa nazionale che ce lo consente. Ad oggi non si può». Sul futuro: «Insistiamo su bicipolitana e mobilità sostenibile, accelerando sui parcheggi scambiatori. Arriveranno gli incentivi sulle ciclabili e sull’acquisto di bici. Il tema dell’elettrico, abbinato anche ai monopattini, faciliterà le lunghe percorrenze. Noi abbiamo già investito in questi anni e partiamo avvantaggiati». 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa