Poste Italiane e legge 104: per il giudice di cassazione ha ragione la SLC-CGIL di Pesaro e Urbino

Poste Italiane e legge 104: per il giudice di cassazione ha ragione la SLC-CGIL di Pesaro e Urbino

Il segretario generale provinciale Marco Pazzaglini annuncia l’importante sentenza che sulla legge 104 riconosce le ragioni del ricorso avanzato dal sindacato

Un’importante sentenza di Cassazione (21670/19), sulla base di un ricorso promosso dalla Slc Cgil di Pesaro e Urbino (il sindacato che tutela i lavoratori della comunicazione),  ha finalmente definito l’importanza delle tutele prevista dalla legge 104 confermando quanto la Slc provinciale denunciava ormai da tempo e cioè che i trasferimenti per coloro che usufruiscono dei permessi per assistere familiari gravemente malati sono illegittimi anche all’interno del Comune,  al contrario di quanto sostenuto da Poste Italiane.
 
“In sintesi la Corte di Cassazione – scrive Pazzaglini- , confermando la sentenza di primo grado, ha sancito che per “sede di lavoro” si intende ‘l’effettivo luogo di svolgimento del lavoro da parte del soggetto interessato, senza che possa ammettersi una valutazione giudiziale circa la incisività del trasferimento sulla effettiva capacità di assistenza della persona disabile, ribaltando di fatto la visione fin qui posta in essere dall’azienda per la quale per sede di lavoro intende il Comune dove il lavoratore presta la propria attività lavorativa. Oltre a questo, la Corte ha stabilito che nessuno, a parte il lavoratore, può permettersi di giudicare l’incisività del trasferimento rispetto all’assistenza da fornire al familiare disabile.
 
Una sentenza che finalmente mette un punto fermo su una tutela prevista dalla legge italiana per tutti i lavoratori che soffrono il disagio di avere un familiare disabile e che è importante per l’intero mondo del lavoro sia pubblico che privato.
 
Come SLC-CGIL ringraziamo il nostro legale, l’avvocato Virgilio Quagliato, che con caparbietà ha portato avanti le nostre tesi, e soprattutto la collega che con gran coraggio ha voluto intraprendere questo percorso che conferma quanto da noi affermato per anni.
 
Non possiamo far altro che essere orgogliosi del risultato raggiunto che rafforza la nostra idea di un sindacato che deve avere come primo e unico obiettivo la tutela dei diritti dei lavoratori”.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • maestrale concorso
  • TEKNOIMPIANTI
  • brx
  • mm servizi
  • dal 3 luglio
  • hotel alexander
  • panicali trebbi
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa