Plauso della Città a Marco Manzini, Ricci e Della Dora: “È un premio alla sua voglia di vivere”

Plauso della Città a Marco Manzini, Ricci e Della Dora: “È un premio alla sua voglia di vivere”

Il pesarese ha vinto la medaglia di bronzo ai Campionati Europei di Parataekwondo 2019

“Per il grande impegno e la tenacia con cui è riuscito a trasformare una grande difficoltà in una meravigliosa opportunità”. Con queste motivazioni, oggi è stato consegnato il Plauso della Città a Marco Manzini, fresco vincitore della medaglia di bronzo ai Campionati Europei di Parataekwondo 2019.

“Viviamo con lui ogni passo sportivo che fa e ogni sfida che riesce a superare – afferma il sindaco Matteo Ricci -. Si pone degli obiettivi e riesce a raggiungerli. Solitamente diamo il Plauso della Città agli atleti che si distinguono per i titoli sportivi, in questo caso è anche un premio alla caparbietà e voglia di vivere. Mi ha raccontato che quando ha sentito suonare l’Inno di Mameli si è riempito d’orgoglio, oltre alla medaglia la cosa più bella è stata rappresentare l’Italia. Grazie alla federazione e al grande allenatore che hai”. “Marco rappresenta un orgoglio pesare – aggiunge l’assessore allo Sport Mila Della Dora -. Ogni volta che si pone un obiettivo, oltre a motivarsi, motiva anche l’intera città. Ha dimostrato che nella vita volere è potere”. Al suo fianco, oltre alla sorella, anche il suo allenatore Luca Fontana e il presidente regionale della Federazione taekwondo Marco Porcarelli. “La vita non ti regala niente – sottolinea Manzini – gli obiettivi si raggiungono con sacrificio e sofferenza. Bisogna essere convinti di ciò che si vuole ottenere, sono contento di questo terzo posto ma non mi basta: nella vita bisogna migliorare giorno per giorno perché se si sale un grandino poi ce n’è subito un altro dietro”. Prossimo impegno, i Campionati Italiani: “Allenarlo rappresenta sempre un impegno diverso – così il suo allenatore -. Ci vediamo solito 4-5 volte a settimana, per lavorare sia sugli equilibri che sulla forza. I suoi traguardi sono una grande soddisfazione anche per me, allenare persone come Marco da una carica grossa”. 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa