Pesaro Rugby travolge Arezzo 72-0, invariato il distacco in vetta in vista della supersfida con I Medicei

Pesaro Rugby travolge Arezzo 72-0, invariato il distacco in vetta in vista della supersfida con I Medicei

Davanti ai quasi 600 spettatori del Toti Patrignani la Paspa conquista l'ennesima vittoria

di Ufficio Stampa

Il testacoda non riserva sorprese. Davanti ai quasi 600 spettatori del Toti Patrignani, la Paspa Pesaro Rugby travolge il Vasari Arezzo 72-0 ultimo in classifica in una gara totalmente in pugno dal primo all’80esimo minuto. Una partita che impacchetta 72 punti sul campo per 73 punti in classifica. Nell’altro testacoda di giornata I Medicei secondi in classifica rispondono prendendosi a loro volta i 5 punti nel match di Modena (13-52 il punteggio finale) e apparecchiano così la sfida al vertice della prossima domenica a Firenze mantenendo invariato il distacco in vetta di 8 punti.
Sarà un match fondamentale per il salto di categoria al quale Pesaro arriverà sospinta da una 17esima vittoria in cui Mazzucato, contro la sua ex squadra, decide di gestire le energie degli uomini in organico tenendo a riposo Jaouhari e Campagnolo e limitando il minutaggio di Villarosa, Antonelli e Solari. Poco male, perché chi va in campo lo fa alla grande mettendo a segno il record stagionale di mete: saranno ben 12 quelle segnate. Con la prima che arriva dopo un minuto e mezzo e la quarta – quella che vale il quinto punto di bonus – che arriva prima della mezzora. Il tutto non lasciando nemmeno il briciolo d’un punto al mal capitato Arezzo.
Ad aprire la giornata è Cardellini che dopo 90 secondi schiaccia in meta una palla ben lavorata all’ala sinistra. Stessa porzione di campo in cui Sanchioni concede il bis dopo 14 minuti. La sfortuna si accanisce con Arezzo che perde pure due giocatori per infortunio – Cocchi e Chiericoni – nei primi 20 minuti e al 21esimo Del Bianco concede il tris con un bell’intercetto impreziosito da 40 metri di fuga e con Joubert che segna la sua prima trasformazione di giornata in una domenica in cui i calci saranno viziati dal vento. Poco prima della mezzora arriva la meta che vale il bonus con Erbolini che trova l’inserimento giusto monetizzando una buona giocata di Fagnani e Martinelli. Ma il primo tempo regala altre due mete: prima è Filippo Pozzi a trovare la gloria personale, poi è Cristiano Salvi a dare il via alla sua domenica di gloria; il giovane ascolano trova infatti la sua prima meta in maglia Pesaro Rugby con bella fuga in solitaria. Ma per il numero 11 giallorosso la giornata riserverà addirittura una “tripletta”.
Nel secondo tempo stesso copione: meno di due minuti e arriva la settima meta che premia lo sfondamento centrale di Gai. L’ottava marcatura è tutta a firma della prima linea quando Deleo lavora un bel pallone per l’assist a Solari. La nona meta, dopo nemmeno 50 minuti di gioco, è quella della doppietta di Salvi con una fuga sulla sinistra completata da uno spettacolare calcio in avanti che schiva il placcaggio e diventa un assist per sé stesso. Arriva anche una meta tecnica a gettare sale sulle ferite di Arezzo e, in mezzo alle sostituzioni massicce operate da Mazzucato c’è spazio anche per la meta del subentrato Villarosa. Dulcis in fundo a mettere la ciliegina è ancora Salvi che trova la tripletta che vale il 72-0 finale e che certifica lo stato di ottima salute di una Paspa tirata a lucido per il big-match con I Medicei.
 
PASPA PESARO – VASARI AREZZO 72-0 (primo tempo 36-0)
Marcatori: pt 2’ meta Cardellini, 14’ meta Sanchioni, 21’ meta Del Bianco tr. Joubert, 28’ meta Erbolini tr. Joubert; 35’ meta F. Pozzi, 41’ meta Salvi tr. Joubert. St 42’ meta Gai tr. Joubert, 47’ meta Solari tr. Joubert, 49’ meta Salvi tr. Joubert, 54’ meta tecnica Pesaro, 68’ meta Villarosa, 74’ meta Salvi
PASPA PESARO: Martinelli, Nardini, Gai, Erbolini (56’ Villarosa), Salvi, Joubert (50’ Babbi), Cardellini (50’ Panzieri), Bettucci (49’ Antonelli), Fagnani, Del Bianco, Venturini, Sanchioni (36’ Benelli), A. Pozzi (41’ Deleo), F. Pozzi, Galdelli (41’ Solari). All. Mazzucato
VASARI AREZZO: Bruni, Mangano (64’ Vespi), Fiore, Cocchi (12’ Scartoni, 57’ Cojocaru), Piergentili, Rupi, Chiericoni (20’ Mariotti), Califano, Cardinali (41’ Accioli), Catone, Giusti, Donvito, Gabbani, D’Antonio (64’ Scartoni), Serafini. All. Zelli
ARBITRO: Merli di Ancona
Cartellini: giallo per Gabbani 53’ (Arezzo); giallo per Benelli 67’ (Pesaro), giallo per Rupi 67’ (Arezzo), 80’ giallo per Solari (Pesaro)
Punti in classifica: Pesaro 5; Arezzo
Spettatori: 600 circa
 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa