Pesaro Music Awards: I premiati

Pesaro Music Awards: I premiati

Tre straordinarie personalità per la prima edizione del Pesaro Music Awards: Daniela Barcellona, Masahiro Shimba e Carmine Emanuele Cella. La nuova iniziativa, organizzata dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini, è il primo appuntamento de I Concerti Xanitalia – winter edition in programma il prossimo 6 dicembre al Teatro Rossini di Pesaro

Il Pesaro Music Awards ha lo scopo di premiare artisti internazionali che in qualche modo si sono rapportati con il nostro territorio e viceversa ad artisti del territorio che grazie alla musica hanno ottenuto una carriera internazionale.
Daniela Barcellona è una vera e propria star della lirica, mezzosoprano italiano, apprezzata per la linea ampia, poggiata su un’emissione dalla solidità superba, con una morbidezza che il timbro fascinoso accentua e con uno sgranarsi delle colorature senza paragone. Nata a Trieste, dove ha compiuto gli studi musicali e vocali sotto la guida di Alessandro Vitiello, dopo aver vinto prestigiosi concorsi internazionali ha debuttato come protagonista nel Tancredi al Rossini Opera Festival di Pesaro nel 1999, affermandosi da allora come interprete di riferimento dei ruoli “en travesti”, che la vedono protagonista nei più prestigiosi teatri al mondo. Ricordiamo, fra i numerosi appuntamenti che la vedono protagonista, la storica riapertura del Teatro Alla Scala di Milano il 7 dicembre 2004 diretta da Riccardo Muti. Prossimi impegni della stagione 2019-2020: il Requiem di Verdi a Baalbeck, Amburgo, Vienna e Roma, lo Stabat Mater di Rossini a Parigi e Lussemburgo, Falstaf alla Staatsoper Berlin, Luisa Miller al Teatro dell’Opera di Roma e La Gioconda al Teatro alla Scala.
Masahiro Shimba, che Pesaro conosce bene sia come artista sia come riferimento per le relazioni internazionali con il Giappone che hanno portato alla firma del gemellaggio fra Pesaro e Kakegawa, sua città d’origine, è un tenore e manager giapponese ma, ormai potremmo dire, italiano d’adozione. Vive e lavora a cavallo fra Tokyo e Milano. È stato il primo artista giapponese ad essere insignito del "Maria Callas Award" dalla International Maria Callas Foundation. La sua carriera lo ha portato ad esibirsi in tanti prestigiosi teatri, fra cui ricordiamo, Royal Opera Canada, il Teatro Città di Teramo, il Lincoln Center negli States, il Dal Verme a Milano e la Puccini Hall al Conservatorio Verdi di Milano. Fra gli artefici delle relazioni che ormai da anni legano Città del Vaticano, il Giappone e l’Italia, ha sviluppato importanti capacità manageriali che lo hanno portato non solo ad esibirsi come artista ma anche a ricoprire il ruolo di organizzatore.
Carmine Emanuele Cella è un compositore, insegnante, ricercatore universitario e studioso che vanta, nonostante la giovane età (40 anni), una prestigiosa carriera internazionale. Nato a Pesaro, dove ha iniziato gli studi musicali, ha parallelamente portato avanti anche gli studi universitari che lo hanno portato a lavorare in diverse istituzioni italiane e straniere, tra cui l’IRCAM di Parigi, per approdare poi ora all’università di Berkeley. Diplomato al Conservatorio Rossini in pianoforte, composizione e musica elettronica, di cui è stato anche docente ha deciso di lasciare da poco l’insegnamento a Pesaro per ricoprire in California l’incarico di docente di Musica e Tecnologia, sua area preferita di lavoro in quanto punto d’incontro di scienza e musica, le sue grandi passioni. Numerosi ed importanti i premi conferitigli, fra cui gli è particolarmente caro, il Premio Petrassi di Composizione, ricevuto nel 2008 dalle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ricordiamo fra i suoi ultimi lavori, l’esecuzione in prima assoluta la scorsa primavera a Milano di Kore, composizione per sei percussionisti intorno al pubblico, con Les Percussions de Strasbourg.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa