Passaggio Auchan a Conad. Incontro in regione con i sindacati

Passaggio Auchan a Conad. Incontro in regione con i sindacati

Il Vice Presidente Minardi: “Tavolo di confronto costante e vertenza al MISE coinvolgendo il Sottosegretario di Stato, Alessia Morani”

Incontro in Regione questa mattina per la vertenza relativa al passaggio di Auchan a Conad, convocato su richiesta delle organizzazioni sindacali di categoria che hanno espresso forte preoccupazione sulla ridistribuzione di risorse umane nel complesso processo di acquisizione da parte del gruppo Conad dei punti vendita ex marchio Auchan.

Il vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche, Renato Claudio Minardi, rivolgendosi ai sindacati ha formulato la richiesta di confronti periodici nei quali seguire e sostenere in modo costante la vertenza e i suoi effetti.

Il tavolo di confronto, composto da rappresentanti Cgil, Cisl e Uil, ha accolto positivamente le istanze del vice Presidente Minardi, tra le quali quella di coinvolgere e farsi sostenere nella vertenza presso il MISE dal Sottosegretario di Stato, la marchigiana Alessia Morani, “affinchè – ha dichiarato Minardi - venga garantita la rete di vendita e la tutela dei livelli occupazionali, nonché ad avviare un tavolo con la nuova proprietà, finalizzato ad evitare la frammentazione gestionale  ed il rischio di ridimensionamento delle tutele degli stessi dipendenti”.

Nel pesarese, per ora, sono soltanto 3 i lavoratori passati a Conad dopo l'acquisizione del gruppo Auchan – Sma  - Simply da parte di Conad su un totale di 255 dipendenti provinciali mentre 1.427 sono i dipendenti su tutto il territorio regionale.

“I numeri del pesarese confermano l'importanza di queste realtà legate al gruppo ora assorbito da Conad, che per qualità del servizio e posizione sono punti di riferimento significativi per una vasta utenza – ha proseguito il vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche, Renato Claudio Minardi - Il loro mantenimento, dunque, è imprescindibile, come lo è ancora di più  la salvaguardia dei posti di lavoro che interessa numerose famiglie del territorio”.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa