Papalini: su rapid test e tamponi. "Soddisfatto, risultati in tempi brevissimi"

Papalini: su rapid test e tamponi.

Mille test rapidi e quasi cento tamponi in due settimane: il presidente degli industriali di Pesaro Urbino, Mauro Papalini, parla di “una risposta eccellente” da parte delle aziende associate e di “grande soddisfazione” per l’avvio della fase operativa del protocollo siglato con l’Università di Urbino e con il Laboratorio di Diagnostica Molecolare dell’Ateneo guidato dal Prof. Magnani

“Le aziende hanno aderito con entusiasmo alla possibilità di conoscere in tempi brevissimi i risultati – ha spiegato – sia dei quick test che del tampone: la salute dei nostri collaboratori era e resta la priorità per ripartire in sicurezza. Abbiamo creato una rete con università e sistema sanitario privato, un protocollo rigoroso che rappresenta una buona pratica a beneficio delle aziende e anche della comunità”. “Questa procedura – ha sottolineato Papalini - consente al lavoratore, che aderisce volontariamente di sottoporsi ai controlli, di verificare il suo stato di salute, non permanere in una situazione indefinita in attesa del tampone e garantire la sicurezza nel privato e nei luoghi di lavoro”. L’Associazione degli industriali ha anche preso accordi con un servizio infermieristico che, su richiesta, è in grado di effettuare i test direttamente in azienda e si occupa della consegna dei tamponi al laboratorio, “un servizio che consente di alleggerire ulteriormente le imprese da tutti gli aspetti organizzativi”.
Tra le aziende che hanno scelto questo percorso, e contribuito insieme a Confindustria ad idearlo e sperimentarlo, c’è Benelli Armi. “Abbiamo collaborato con Confindustria quando le linee guida nazionali non erano ancora state definite – ha spiegato il direttore dello stabilimento urbinate, Paolo Viti -, per garantire la sicurezza di tutti i lavoratori”.
“Conosco il personale Benelli da anni ed è stata una ulteriore conferma vederli così disponibili nell’effettuare volontariamente i test e velocemente per sé stessi, per i familiari e per i colleghi”. I controlli sono stati avviati sin dalla riapertura dell’azienda e “tutti i 350 dipendenti sono risultati negativi, con successiva conferma effettuata con tamponi molecolari”.
I tempi del test rapido sono immediati, mentre un tampone consegnato entro le 13 viene processato e refertato al massimo entro la mattina del giorno successivo, a volte anche nel pomeriggio dello stesso giorno. Le imprese che hanno optato per questo percorso sono intenzionate a farlo diventare routinario fino al termine dell’emergenza ‘Covid-19’: i test rapidi verranno ripetuti ogni 15-20 giorni e chi risulterà positivo sarà sottoposto immediatamente al tampone.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa