Labirinto ricorda i 40 anni della Legge Basaglia allo Zoe Microfestival

Labirinto ricorda i 40 anni della Legge Basaglia allo Zoe Microfestival

Il 14 luglio alle ore 21:00 agli Orti Giulii di Pesaro, nell’ambito dello Zoe Microfestival, la cooperativa sociale Labirinto propone un reading concerto su elettroshock e follia, dal titolo “La Terapia del Fulmine” a cura di Wu Ming Contingent, per ricordare i quaranta anni della Legge Basaglia e gli ottanta anni da quando è nato l’elettroshock

di Ufficio Stampa

Per ricordare i quarant’anni della legge che chiuse i manicomi, ispirata dallo psichiatra Franco Basaglia e dalle sperimentazioni da lui svolte a Trieste, sabato 14 luglio alle ore 21:00 agli Orti Giulii di Pesaro, nell’ambito dello Zoe Microfestival, la Cooperativa Sociale Labirinto propone il reading spettacolo dal titolo “La terapia del fulmine”, a cura del Wu Ming Contingent, la band nata all’interno del collettivo di scrittura Wu Ming che da ormai 20 anni è una delle presenze più vivaci e innovative del panorama letterario italiano. Interverrà la presidente della cooperativa Labirinto, Simona Giommi.
 
Lo spettacolo “La Terapia del fulmine”, a ingresso libero, parla del rapporto tra elettricità e follia, dai tempi delle streghe fino ai giorni nostri, passando per la Prima Guerra Mondiale, lo studio di Cerletti, le idee di Basaglia, le parole di Lou Reed, Ernest Hemingway, Janet Frame, e racconta ottant’anni di elettroshock, attraverso musiche, testimonianze, carte processuali, pagine di diario e testi originali composti per l’occasione. Dal primo esperimento di Ugo Cerletti, a Roma, nel 1938, fino alle centinaia di terapie elettro-convulsivanti che vengono somministrate ancora oggi, in Italia, in oltre novanta strutture pubbliche e private. Passando per le sevizie del professor Coda, la ribellione di Antonin Artaud, le poesie di Alda Merini, le ossessioni di San Giovanni Calabria.
 
Una data storica – ricorda Emanuela Bernacchia, cooperativa Labirinto, responsabile del settore Sanità e benessere - non solo per la psichiatria, ma per tutto il lavoro sociale, educativo, di cura. Con la legge 180 prende avvio un modo diverso, più civile, di trattare le persone e le loro difficoltà. Si apre una stagione di invenzioni e sperimentazioni sociali. Nascono i servizi territoriali, le prime cooperative sociali offrono opportunità di inserimento lavorativo, le relazioni di cura imparano a sostenere le persone nel riprendere in mano la propria vita. A quarant’anni dalla Legge Basaglia noi la ricordiamo così.
 
Labirinto sostiene come sponsor unico la presentazione a Pesaro di questo spettacolo nell’ambito delle azioni con cui ricorderà per tutto il 2018 i quarant’anni della legge Basaglia.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa