"La casciotta di Urbino si fa Gourmet". Il maestro Paolo Brunelli presenta a “Identità di Gelato” il suo “Mandorle e Casciotta”

Un omaggio alla memoria gustativa del territorio celebrata con un grande cacio: il gelatiere marchigiano ha presentato ieri la nuova frontiera del gelato alla Rotonda a Mare di Senigallia durante “l’edizione 0” di “Identità di Gelato”

È il gelato “Mandorle e Casciotta” l’ultima creazione di Paolo Brunelli, gelatiere, cioccolatiere, artista del dolce di Agugliano (Ancona) presentata ieri, lunedì 27 luglio, durante “l’edizione 0” di Identità di Gelato che si è svolta alla Rotonda a Mare di Senigallia (AN) davanti a una platea qualificata di giornalisti della stampa specializzata e autorità del settore food.
 
Il formaggio da tavola tanto amato da Michelangelo Buonarroti è stato scelto dal celebre cioccogelatiere marchigiano come ingrediente principale della sua ultima ricetta ideata per per esaltare il territorio e i sapori del passato.
 
“Questo piatto - sottolineano Gianluigi Draghi e Paolo Cesaretti, presidente e coordinatore del Consorzio di Tutela della Casciotta d’Urbino Dop - rende ancora una volta onore a un grande tesoro della provincia di Pesaro e Urbino: la Casciotta d’Urbino, prima Dop casearia delle Marche dal sapore dolce, caratteristico della miscela del latte di provenienza (3 parti di ovino e 1 parte di vaccino) e della breve stagionatura. Grazie al lavoro dei vari attori dell’intera filiera quello che gustiamo oggi è un prodotto certificato e caratterizzato da una versatilità che lo rende ingrediente ideale per ricette che spaziano dalla tradizione alla sperimentazione culinaria”.
 
“L’idea alla base di ‘Mandorle e Casciotta’ - racconta Paolo Brunelli - è il voler riportare in bocca il sapore di un piatto che fa parte della memoria gustativa marchigiana: la polenta e sapa che i nostri nonni condividevano nelle cene di famiglia. Un piatto povero, una pietanza che veniva servita su enormi tavole di legno dopo essere arricchita con una spolverata di pecorino e mosto cotto”.
 
È partendo da questo ricordo che Brunelli ha perfezionato il piatto, che consiglia come predessert, perché ricco e completo: “La base è composta da un gelato di mandorle di Noto, arricchita da uno zabaione di vino cotto, ed è completata da una generosa grattugiata di Casciotta d’Urbino Dop. Col suo sapore dolce e piacevolmente gradevole, è l’elemento fondamentale per chiudere un gioco di armonie e riconoscibilità di sapori”.
 
A completare l’opera sono pepe di Timut e ciccioli di maiale fritti: tasselli perfetti per raggiungere un unicum, un equilibrio perfetto tra sapidità e dolcezza, sapori antichi e accostamenti contemporanei.
 
La ricetta è stata presentata durante il lunch di “Identità di Gelato” alla Rotonda a Mare di Senigallia. È possibile degustare il gelato nell’appena inaugurata “Paolo Brunelli Combo” a Marzocca di Senigallia.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa