Intesa Fieg-Comune per il sostegno e la valorizzazione delle edicole pesaresi

Intesa Fieg-Comune per il sostegno e la valorizzazione delle edicole pesaresi

Detassazione sulla Tosap e altre agevolazioni ai chioschi, che in cambio formeranno una rete di informazione turistica. Accordo firmato dal presidente della Federazione italiana editori giornali Andrea Riffeser Monti e dal sindaco Matteo Ricci

Accordo per valorizzare e sostenere le edicole del territorio pesarese. A siglare l’intesa, nella sala rossa del Comune, il presidente della Fieg (Federazione italiana editori giornali) Andrea Riffeser Monti e il sindaco Matteo Ricci, insieme ai rappresentanti sindacali degli edicolanti (presente il segretario provinciale Sinagi Rodolfo Cecchini). Al tavolo anche l’assessore al Bilancio Antonello Delle Noci.  
Il sostegno ai chioschi prevede sgravi fiscali. «Il Comune lo farà in due forme: «Detassazione totale sulla Tosap », sottolinea Matteo Ricci. Una misura che riguarderà 15 edicole delle 61 in totale. «Ma ricercheremo la detassazione anche per le altre che sono in edifici privati». In proposito, rende noto il sindaco, «ci sarà un incontro con il sindacato degli edicolanti: in base al tipo di edificio, individueremo le agevolazioni fiscali idonee». In cambio, specifica Ricci, «all’interno del pacchetto d’intesa chiediamo alle edicole di diventare un primo punto d’informazione turistica. Sarà a carico del Comune la formazione e il materiale necessario».
 
LA FIEG – Evidenzia il presidente Fieg, Riffeser Monti «Da quando mi sono insediato alla presidenza della Federazione italiana editori giornali (luglio 2018, ndr) abbiamo intrapreso un percorso con l’Anci per salvaguardare e cambiare il lavoro delle edicole, che vivono sicuramente un momento difficile. Oggi si è aperto un dialogo importante in un’altra città, che aiuterà anche altri sindaci a prendere provvedimenti simili». Non solo: «Il nostro impegno è concludere nei prossimi mesi anche il contratto con gli edicolanti, che da dieci anni non viene firmato. Arrivando a un accordo che porti soddisfazione ad entrambe le parti».
 
L’ASSE - Commenta Rodolfo Cecchini, segretario provinciale Sinagi: «Il protocollo è un’iniziativa importante, che ci aiuta ad andare avanti proseguendo nella nostra attività e fornendo altri servizi ai cittadini». Aggiunge l’assessore Delle Noci: «All’interno delle attività del Comune c’è la valorizzazione della rete di informazione turistica. Il Comune agevolerà le edicole attraverso gli sgravi sulla Tosap e con altre misure. Con loro costruiremo servizi in grado di veicolare informazioni istituzionali. Nei prossimi giorni incontreremo gli edicolanti per costruire la convenzione che porteremo in giunta. Pensiamo anche alla possibilità di fornire servizi ad hoc per il cittadino, come sull’anagrafe».  
 
L'INFORMAZIONE - Tra i temi affrontati da Ricci anche la libertà d’informazione: «Con le nuove tecnologie il sistema conosce rapidi mutamenti, ma servono giornali nazionali e locali autorevoli. In grado di essere la vera barriera alle fake news e il luogo dove cercare fatti, opinioni, approfondimenti». Insomma: «C’è bisogno di giornalismo fatto da professionisti. Diffido di chi pensa che tutti possono fare tutto». L’accordo con la Fieg, secondo Ricci, «è un chiaro segnale: i giornali per noi sono il luogo dove si cerca la notizia vera e l’autorevolezza. E pur nell’abbinamento col web, continuano ad essere strumento cartaceo fondamentale. Il giornale locale resta elemento importante nell’informazione e nella vita di una città». Nell’intesa, al vaglio anche altre forme di collaborazione: «Ci piacerebbe distribuire il calendario degli eventi estivi o invernali, o gli strumenti di informazione istituzionale, all’interno dei quotidiani venduti. In questo senso potremmo richiedere una collaborazione agli edicolanti». Passaggio su cui si è soffermato anche Riffeser Monti: «Con l’accordo siglato con l’Anci, il rapporto tra quotidiano e Comune diventa ancora più stretto». Conclude il presidente Fieg: «Teniamo alla libertà d’informazione. Entro la fine dell’anno le edicole avranno veramente un aiuto concreto e si vedrà un modo nuovo anche nell'approccio ai quotidiani».   
 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa