Intervista a Luca Ceriscioli, candidato PD per la Regione Marche

Intervista a Luca Ceriscioli, candidato PD per la Regione Marche

"Una grande soddisfazione per il risultato, per la vittoria, per il cambiamento"

di Luca Petinari

Da meno di una settimana, Luca Ceriscioli è il candidato per il Partito Democratico come Governatore della Regione Marche, in quanto uscito vincente dallo scontro alle primarie con Pietro Marcolini. “Una grande soddisfazione per il risultato, per la vittoria, per il cambiamento e per i 43mila votanti della regione – dice Ceriscioli, che continua – una forza che ci porteremo avanti e un bel segnale in questo periodo di sfiducia, distacco e allontanamento dalla politica da parte dei cittadini”. Ora si entra nella fase clou per la corsa alla Regione e il PD dovrà affrontare fasi importanti: “prima di tutto costruire un’alleanza – afferma Luca Ceriscioli – già c’è stata una grande coalizione per le primarie ma non tutti gli alleati potenziali hanno partecipato”. Chi sono dunque i papabili alleati? “Bisogna allargare al massimo – spiega Ceriscioli – con uno sguardo ad Area Popolare e Udc, che sono a metà tra PD e Marche 2020, con l’invito ad aderire alla spinta dei 43mila voti delle primarie, forti anche di un’esperienza di rapporto tra partito ed alleati fatto di grande lealtà, correttezza e solidarietà. Il miglio viatico per ritrovarsi in alleanza alle prossime elezioni”. In attesa di conoscere il nome dello sfidante per il governo della Regione: “quello di Gian Mario Spacca sarebbe quello che più rappresenterebbe il non-cambiamento, il candidato ideale per chi invece il cambiamento lo vuole – dice il candidato PD – dobbiamo essere forti nei nostri progetti, sicuri dei nostri valori, immaginando una Regione nuova più vicina ai territori e ai cittadini e che lavori con la concretezza di un sindaco”. Questi i numeri registrati alle primarie dell’1 marzo: la provincia di Pesaro e Urbino ha visto assegnare 8.795 (71,87%) voti a Luca Ceriscioli, 3.152 (25,76%) a Pietro Marcolini e 223 (1,82%) a Ninel Donini; la provincia di Ascoli Piceno, ha assegnato 5.041 (53,74%) preferenze a Ceriscioli, 4.295 (45,79%) a Marcolini e 44 (0,47%) a Ninel Donini; in provincia di Macerata, i voti a favore di Marcolini sono stati 6.069 (65,26%), le preferenze per Ceriscioli 3.121 (33,56%) e 110 (1,18%) quelle per Donini; in provincia di Ancona, registrate 4.660 (53,57%) preferenze per Marcolini, 3.872 (44,51%) per Ceriscioli e 167 (1,92%) per Donini; la provincia di Fermo ha restituito 1.931 (51,13%) voti a favore di Ceriscioli, 1.803 (47,74%) a sostegno di Marcolini e 43 (1,14%) per Donini.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • marchigiana
  • labirinto
  • collesi birra
  • confartigianato
  • confcommercio
  • teatro cagli
  • battistelli
  • bcc gradara
  • papalini
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa