Inaugura domani “Al contadino non far sapere”

Inaugura domani “Al contadino non far sapere”

Fino a domenica, a Colli al Metauro, la Festa del Formaggio Marchigiano e della Pera Angelica

Sarà un fine settimana dedicato alle eccellenze enogastronomiche della provincia di Pesaro e Urbino quello in programma domani, sabato 7 settembre, e domenica 8 settembre a Fiordipiano (in via Cerbara 81, caseificio Valmetauro) e nel centro storico di Serrungarina (Colli al Metauro) nell’ambito de “Al contadino non far sapere”.
Ad aprire la manifestazione dedicata alla Casciotta d’Urbino DOp e alla Pera Angelica sarà il talk show in programma sabato 7 settembre, ore 16.30, nella sala comunale di Serrungarina (piazza Serafini 1). Il dibattito, condotto dal giornalista e critico enogastronomico Davide Eusebi, sarà aperto dai saluti di Stefano Aguzzi, sindaco di Colli al Metauro e di Renato Claudio Minardi, vice presidente del Consiglio regionale delle Marche. A seguire saranno approfonditi i progetti di promozione dedicati alla Pera Angelica di Serrungarina - prodotto agro-alimentare tradizionale delle Marche - e della Casciotta d’Urbino Dop. A chiudere il convegno sarà la presentazione del libro “Vini veri. Viaggio nei sensi sulle orme di Mario Soldati” di Davide Eusebi e Otello Renzi che suggeriranno anche gli abbinamenti ideali tra piatti del territorio e il vino autoctono della provincia di Pesaro e Urbino, il Bianchello del Metauro che celebra, nel 2019, i suoi 50 anni di Denominazione.
Al termine, appuntamento con la staffetta “Cascio & Pere” insieme ai podisti dell’Asd Calcinelli Run. Da non perdere la merenda marchigiana alle 17.30 (anche domenica) e l’aperitivo “Spritz & cheese e pera” a cura di Bar.it (entrambi i giorni alle ore 18.30, la domenica anche alle 11.30). A chiudere la giornata saranno i “fornelli accesi” per la cena (dalle 19.30) con le ricette marchigiane e la musica dell’orchestra Roberto Anselmi (ore 21).
Domenica 8 settembre “Al contadino non far sapere” darà il via agli eventi, dalle 8.30, con la “Colazione Marchigiana” gratuita con latte alta qualità QM TreValli, caffè d’orzo e biscotti della cooperativa “Il Biroccio”. Gustoso anche l’aperi-pranzo al formaggio con ricette della cucina marchigiana in programma alle 12.30.
Spazio alla curiosità, alle 16.30, nel piazzale del caseificio, durante l’imperdibile dimostrazione casearia a cura di Nando Sabbatini che mostrerà, dal vivo, come si fa la Casciotta d’Urbino. Alle 17.30 si prosegue con la degustazione guidata “Formaggi e Frutta” a cura dell’enogastronomo Otello Renzi. La due giorni de “Al contadino non far sapere” si concluderanno con la cena (dalle 19.30) e la musica dell’orchestra La Terza Via (dalle 21).
Tra gli appuntamenti anche le visite guidate allo stabilimento Valmetauro (dalle 17.30 alle 18.30 di sabato e dalle 17.30 alle 19 di domenica, solo su prenotazione info@casciottadiurbino.it); il “Baby Cheese Park” con tanti laboratori per bambini che potranno “Giocare con il latte” (dalle 18 alle 22).
Tanti spunti e occasioni di divertimento che potranno essere immortalati da coloro che sceglieranno di partecipare al concorso fotografico #Alcontadinononfarsapere. Per partecipare occorre pubblicare le foto più belle scattate durante l’evento sulla pagina facebook @casciottadurbino o sul proprio profilo Facebook (aggiungendo il tag alla pagina @casciottadurbino) con l’hashtag #alcontadinononfarsapere.
Le tre immagini (online entro il 13 settembre) che riceveranno più “like” saranno premiate con una pratica confezione termica brandizzata Casciotta d’Urbino Dop e contenente una forma del “cascio” tanto amato da Michelangelo e la Pera Angelica di Serrungarina.
L’appuntamento “parallelo” a Serrungarina de “Al contadino non far sapere” prevede, in occasione della 24^ “Festa della Pera Angelica”, dalle 18 fino a tarda sera di entrambi i giorni, l’apertura del mercato con i produttori del delizioso frutto, cene in musica in cui gustare tipicità enogastronomiche. Domenica, ore 8.30, sport e gusto con la “Pedalata della Pera Angelica” promossa dall’associazione “Mulistracchi” che lungo i 26, 35 o 43 Km di percorso, prevedrà anche tappe in cui degustare prodotti tipici del territorio.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa