Il presidente Papalini presenta ai soci il ‘tavolo della sburocrazia’ e Confindustria Academy, “laboratorio di stimoli e progetti tra imprenditori”

Il presidente Papalini presenta ai soci il ‘tavolo della sburocrazia’ e Confindustria Academy, “laboratorio di stimoli e progetti tra imprenditori”

In occasione dell’assemblea privata dei soci, alla quale hanno partecipato oltre un centinaio di imprenditori

Un tavolo tecnico sullo snellimento delle pratiche burocratiche e la nascita di “Confindustria Academy”: sono le due priorità annunciate da Mauro Papalini, presidente della Territoriale di Pesaro-Urbino di Confindustria Marche Nord, in occasione dell’assemblea privata dei soci, alla quale hanno partecipato oltre un centinaio di imprenditori.

“Il ‘tavolo della sburocrazia’ – ha spiegato il presidente degli industriali pesaresi – coinvolge direttamente la nostra associazione e dialogherà con i dirigenti dei comuni di Pesaro e Fano e con i tecnici informatici, che hanno dimostrato grande disponibilità su questo tema. Tre le priorità: avere un quadro dettagliato delle criticità, ridurre la modulistica richiesta e i tempi di risposta, spingere gli enti pubblici a mettersi in rete attraverso il portale di Uniocamere”. Contemporaneamente, si sta lavorando con Regione Marche e Camera di commercio “per far decollare il progetto chiamato ‘Angeli della burocrazia’”, un servizio di affiancamento per la risoluzione dei nodi burocratici e dei processi amministrativi, già attivo in Lombardia.

Agli imprenditori pesaresi, inoltre, Papalini ha ricordato che “il rapporto tra impresa e università è strategico e già oggi molto solido: il nostro obiettivo è di riuscire a collegare ancor meglio questi due poli”: da qui l’annuncio della Confindustria Academy, che oltre a sostenere e sviluppare le attività già in essere con l’università, “svilupperà anche progetti formativi e di conoscenza tra imprenditori, con lo scopo di stimolare idee, progetti e soluzioni migliorative”.

L’assemblea privata si è conclusa con l’intervento di Lucio Caracciolo, organizzato in collaborazione con Allianz Bank. Il politologo, economista e direttore di Limes ha parlato dell’America di Trump e della sfida cinese, dedicando un focus particolare alle nuove vie della seta ed al ruolo della Cina in Europa, e di Germania, che rappresenta uno dei principali mercati di sbocco dell’export pesarese, e dei suoi rapporti economici e politici con l’Italia.

“Continuiamo ad essere circondati da una realtà complessa che vincola e condiziona le nostre strategie – ha spiegato il presidente Papalini – il confronto con Caracciolo, uno degli esperti più credibili in materia di geopolitica ci è utile non solo per un aggiornamento sulle grandi questioni internazionali, ma soprattutto per capire cosa succede nei principali mercati di riferimento dell’industria pesarese”. “Dobbiamo assolutamente aumentare le nostre quote di mercato all’estero – ha concluso il presidente – e per farlo è necessario essere consapevoli dei rischi e delle opportunità”.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • avis pesaro
  • labirinto
  • brx
  • mm servizi
  • dal 3 luglio
  • hotel alexander
  • panicali trebbi
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa