Il Consiglio approva la variazione al piano delle opere pubbliche e al bilancio di previsione

Il Consiglio approva la variazione al piano delle opere pubbliche e al bilancio di previsione

In esame, in occasione del Consiglio comunale del 25 novembre, alcune delibere

La prima in discussione è stata la variazione al piano triennale delle opere pubbliche 2019-2020 illustrata dall’assessore Belloni: “Già discussa in commissione riguarda 4 punti: i lavori delle scogliere, il teatro Rossini, l’intervento per la pista ciclabile lungo il fiume Foglia, incremento del secondo stralcio per il museo Oliveriano.”
“Sono modifiche per allineare il bilancio - ha spiegato l’architetto Giraldi responsabile delle Opere Pubbliche - al piano delle opere perché gli enti che ci erogano i contributi hanno definito l’importo (sono soprattutto contribuiti regionali) e l’esigibilità (quando spendibili). Unica vera variazione è una maggiore entrata di 40.000 euro, per cui passa a 200.000 euro lo stanziamento per il museo Oliveriano. Per il teatro Rossini il contributo ministeriale di 300.000 euro del 2019 si rende necessario posticiparlo al 2020 e 2021.”
“Ne abbiamo parlato in commissione, alcuni sono semplici spostamenti - ha commentato Nicola Baiocchi di Prima c’è Pesaro– siamo favorevoli al completamento della ciclabile, per le altre previsioni il giudizio è negativo.” La delibera è stata approvata con voti 20 favorevoli contrari 9 (destra), astenuti 3 (5 stelle).
 
E’ stata poi discussa e votata la variazione al bilancio di previsione finanziario 2019-2021, presentata dall’assessore Delle Noci. “E’ l’ultima variazione al bilancio” ha spiegato l’assessore.
Il provvedimento, approvato con voti 20 favorevoli, contrari 11 (centrodestra e 5 Stelle), attesta che non ci sono situazioni tali da pregiudicare gli equilibri di bilancio, che le richieste di stanziamenti aggiuntivi sono finanziati da maggiori entrate e dispone di applicare l’avanzo di amministrazione vincolato e accantonato. “Tra le spese: il piano neve (13.186), la manutenzione delle fogne bianche, le iniziative natalizie (110.000). Tra le entrate: il recupero dell’evasione IMU di 212.600 e l’imposta di soggiorno di 120.000.” Così Delle Noci.
“Ci sono risorse per mezzi soccorso neve” ha sottolineato il consigliere Biagiotti della Lega chiedendo se saranno pagate comunque o solo se utilizzate.” “Si paga sempre il fermo mezzi- ha risposto Delle Noci- si paga la disponibilità dei fornitori, poi se dovesse esserci l’emergenza neve, l’ultima ci è costata 350.000 euro di interventi.”
“Manca la cultura- ha precisato Giulia Marchionni di Prima c’è Pesaro- il rispetto delle convenzioni, la più grave quella del Rossini Opera Festival, un impegno ad attribuire 600.000 euro di contributo annuale, ma stanziati solo 300.000 euro.” “il Comune deve riconoscere i contributi a rendicontazione, non può farlo prima” così ha spiegato Delle Noci
La consigliera Marchionni ha inoltre lamentato il mancato coinvolgimento dell’intera commissione bilancio nell’annuncio del bilancio partecipato, in conferenza stampa. “La consigliera Marchionni ha ragione, doveva essere invitata tutta la commissione - ha riposto il consigliere 5 Stelle Lorenzo Lugli- è giusto, c’è stato l’interesse di tutta la commissione, ma è stata una svista, di cui mi dispiaccio e certamente si porrà rimedio all’errore.”
“La commissione è tecnica- ha aggiunto Delle Noci- rispetto al Consiglio, non sarà di certo una conferenza stampa a diminuire la volontà rispetto al bilancio partecipato, abbiamo appresso che anche il centrodestra è d’accordo.” “E’ stato detto che era volontà di tutta la commissione bilancio” ha precisato il consigliere Bellucci.
 
 
La terza delibera illustrata dall’assessore Nobili e approvata con voti 21 favorevoli, contrari 12, nessuno astenuto, ha riguardato il riconoscimento dei debiti fuori bilancio derivanti da sentenze. “Debiti che potevano essere evitati” ha detto il consigliere Biagiotti. Nobili ha precisato che si tratta di importi e interessi. Dallasta della Lega ha sottolineato che sono state anche pagate consulenze di parte.
 
Infine Nicola Baiocchi ha illustrato la mozione d’urgenza sulla soppressione delle fermate del Freccia Rossa delle ore 6.30 e 20.14, presentata da Prima c’è Pesaro- Fratelli d’Italia.  E’ stato annunciato da Trenitalia con l’introduzione dell’orario invernale, sono corse utilizzate da tanti pendolari per motivi di lavoro e personali. Ha risposto il sindaco Matteo Ricci informando il Consiglio del contenuto di una lettera spedita in mattinata ai vertici di Trenitalia chiedendo la revisione della decisione o un incontro con i vertici di RFI.
Il consiglio sarà tenuto informato. La mozione è stata approvata con 32 voti favorevoli

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa