Idraulici, elettricisti, caldaisti e interventi in abitazioni e attività. La CNA, occorre seguire il Codice di autoregolamentazione

Idraulici, elettricisti, caldaisti e interventi in abitazioni e attività. La CNA, occorre seguire il Codice di autoregolamentazione

Un vero e proprio decalogo contenuto in un Protocollo. L’associazione è a disposizione per fornirlo

Idraulici, elettricisti, caldaisti, impiantisti. In caso di interventi in abitazioni, condomini, locali commerciali o produttivi la cosiddetta Fase II impone anche a loro un codice di autoregolamentazione. Per fornire alle imprese del settore notizie utili in merito alle misure da adottare per la salute e sicurezza dei lavoratori, dei clienti e degli imprenditori stessi, che molto spesso lavorano giornalmente fianco a fianco con i loro dipendenti, CNA Installazione Impianti ha redatto un breve, ma completo, Codice di Autoregolamentazione per il corretto comportamento da assumere sul luogo di lavoro.
Il Codice di Autoregolamentazione, nel ricordare e sottolineare le principali indicazioni e le misure di carattere igienico sanitario contenute nel Protocollo 24 aprile 2020 per la sicurezza nelle aziende condiviso dalle parti sociali e fatto proprio dal Governo, prevede anche una sorta di “decalogo” rispetto ai comportamenti che lavoratori e clienti dovranno tenere nel corso delle varie fasi (prima, durante e dopo) di un intervento di installazione o manutenzione di un impianto, sia che si svolga in una abitazione privata, in un condominio o in un locale adibito ad attività commerciale e produttiva.
Nel Codice è inserito anche un “Protocollo intervento fuori sede” nel quale sono evidenziate tutte le operazioni, ed il loro ordine temporale, da svolgere: “Il nostro Codice di Autoregolamentazione – commenta Fausto Baldarelli di CNA Installazione Impianti –  è uno strumento agile e comprensivo a disposizione di tutte le aziende del settore che lo possono liberamente adottare uniformando, in tal modo, i comportamenti da assumere sul luogo di lavoro da parte dei nostri dipendenti, ma anche e soprattutto da parte dei nostri clienti. Comportamenti corretti, univoci e standardizzati in materia di salute e sicurezza – continua Baldarelli – possono sicuramente aiutarci ad uscire al più presto dall’emergenza sanitaria, a rimettere in moto la macchina produttiva del paese ed a consentire alle nostre imprese di tentare di recuperare, per quanto possibile, il fatturato perso in questi ultimi mesi”.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa