Freccia Bianca per Roma, approvata mozione del Vicepresidente Minardi: «Intervenire con Trenitalia per rivedere l'orario»

Freccia Bianca per Roma, approvata mozione del Vicepresidente Minardi: «Intervenire con Trenitalia per rivedere l'orario»

Disagi espressi da pendolari e associazioni di categoria dopo il posticipo del Treno 8851 per la Capitale. Votata all'unanimità la mozione che chiede di ripristinare la partenza alle 6.58 da Pesaro

«Intervenire presso Trenitalia per rivedere al più presto l'orario del Treno Freccia Bianca per Roma Termini della mattina». E' l'impegno chiesto alla Giunta regionale dalla mozione a firma del Vicepresidente Renato Claudio Minardi, approvata all'unanimità in Consiglio regionale. Da alcune settimane la partenza dalla stazione di Pesaro del treno Ravenna-Roma Termini 8851 è stata posticipata dalle 6.58 alle 7.18. «Questo spostamento in avanti di venti minuti – spiega Minardi - ha provocato in gran parte del territorio le reazioni di studenti, lavoratori, imprenditori e professionisti che, partendo non solo da Pesaro, ma anche da altre province, non riescono più a raggiungere la Capitale in tempo utile per partecipare a riunioni o ad altri appuntamenti. Da alcune settimane molte persone sono costrette ad utilizzare il treno precedente delle 5, oppure a dover scegliere la linea Bologna-Roma viaggiando sul Freccia Rossa, con costi maggiori, come segnalato anche dalla CNA provinciale». «A questa dilazione di orario – prosegue – vanno poi aggiunti i ritardi che si accumulano durante il percorso, a causa degli annosi problemi lungo la linea Falconara-Orte». L'atto di indirizzo, prendendo in considerazione i danni e i disagi arrecati ai viaggiatori, da sempre penalizzati nei collegamenti con Roma per l'assenza storica di infrastrutture, impegna la Giunta regionale ad intervenire presso Trenitalia per ripristinare un servizio molto utilizzato. «Ringrazio l'assessore ai trasporti Sciapichetti che ha condiviso la mozione e ha annunciato che il problema sarà affrontato nel corso di un incontro con i vertici dell'Azienda previsto per la prossima settimana – conclude Minardi –. L'utilizzo del treno e del trasporto pubblico in generale va incentivato anche adottando soluzioni razionali che rispondono in modo pratico e funzionale alle esigenze dei cittadini»

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa