Flanger Playlist: Lucy Anne Comb

Flanger Playlist: Lucy Anne Comb

I cinque brani scelti dal giovane cantautore pesarese

Flanger Playlist è una rubrica fuori dalla tradizionale ora radiofonica e che vuole raccontare i vari ospiti (e non solo) tramite la musica che ascoltano. Il primo a raccontarsi è Lucy Anne Comb, all'anagrafe Guido Brualdi, giovane cantautore pesarese uscito di recente con un EP dal titolo Yourselfie nel quale racconta, voce e chitarra, cinque fotografie di vita. Ecco la sua playlist:

I brani che ho scelto possono essere visti come una sorta di percorso, che parte dalle situazioni critiche di tutti i giorni, fino alla loro accettazione e al mettersi in gioco, cercando di non arrendersi.

1. ANOHNI - Marrow

Il mondo è un luogo crudele, dove l'uomo è colpevole di succhiarne le risorse, di distruggerne le bellezze, di annichilire la libertà dei popoli, fino al midollo. Intanto una marea nera si alza.

2. Father John Misty - Pure Comedy

La nostra vita è una commedia, dove le maschere dell'ipocrisia che indossiamo ogni giorno sono le protagoniste (tanto per riprendere il pensiero pirandelliano).

3. Benjamin Clementine - Condolence

Questa canzone la vedo come un inno a lasciarsi alle spalle le paure e le insicurezze, per riuscire a riemergere dall'oscurità.

4. Nick Cave & The Bad Seeds - Skeleton Tree

Il corso della vita, il suo flusso, ci porta a rielaborare perdite, a superare le difficoltà, per ricominciare a respirare.

5. PWR BTTM - All the Boys

"Tutti gli uomini dicono che non mi amano, tutti gli uomini dicono che non mi amano, ma lo so, stanno mentendo"

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa