Flanger Playlist: Jacopo Nacci

Flanger Playlist: Jacopo Nacci

Allo scrittore pesarese abbiamo chiesto una cinquina (+ bonus) sui brani fondamentali dell'hip hop

Ottavo episodio della rubrica di Flanger che approfondisce i gusti degli ospiti in studio e non e permette a tutti di conoscere nuova musica. Questa volta è il turno di Jacopo Nacci, scrittore pesarese autore di libri come Sangue, Dreadlock e della recentissima Guida ai Superobot che ha ottenuto un ottimo riscontro di critica e dai lettori. Oltre all'attività editoriale, Jacopo si diletta spesso in alcuni dj set in cui spazia su più generi, tra cui l'hip hop. A lui abbiamo chiesto di indicarci quelli che secondo lui sono i cinque brani fondamentali del genere. Ce ne ha proposti sei:

1. Run DMC - Rock Box

Melodia, beat, rime: è il 1983 e c’è già tutto (e la versione senza chitarra è anche più rock).

2. Public Enemy - Prophets Of Rage

Prechiusura del disco più rumoroso dei PE, il secondo. Suona come un volantino delle Black Panthers.

3. Ice Cube - Endangered Species feat. Chuck D

Ice Cube esce solo e il primo album è un’atomica. LA che suona come NY se NY fosse LA.

4. Gangstarr - The Place Where We Dwell

Si apre Daily Operation, il disco più jazz della storia dell’hip hop. Tutti belli, i GS, ma una roba così alta l’han fatta solo una volta.

5. Method man - Tical

Il Wu-Tang lo conoscevamo già, ma il livello di surrealismo dopalistico che si apriva qui era una consacrazione.

BONUS: 2 Black 2 Strong - Burn Baby Burn

In copertina la bandiera a stelle e strisce che brucia, nel pezzo il feat di Chuck D, nei ringraziamenti il Partito Comunista Americano.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa