Ex- Amga: avanti con bonifica e progetto per area verde

Ex- Amga: avanti con bonifica e progetto per area verde

Comune in attesa del parere Istituto Superiore di Sanità, per concludere definitivamente ed efficacemente la bonifica

di Franca Foronchi, assessore alla Sostenibilità del Comune di Pesaro

L’impegno del Comune di Pesaro per trovare, in questi anni, una soluzione definitiva alla zona dell’Ex-Amga è stato forte e deciso. Dopo aver portato a termine la bonifica dell’ area individuata dal relativo progetto del 2014, l’amministrazione comunale ha interpellato, in accordo con Arpam, l’ Istituto Superiore di Sanità. E’ stato infatti necessario richiedere un parere per concludere definitivamente la bonifica,  visto che alcuni punti isolati delle pareti vicine all’area già bonificata, sono risultati inquinati. Si tratta quindi semplicemente di un cantiere ancora aperto, non ci sono problemi o abbandoni ma solo i tempi tecnici che le bonifiche ambientali richiedono.

Basta quindi menzogne e allarmismi inutili che creano solo tensioni e non portano a soluzioni. Oggi di fatto, non  abbiamo più cattivi odori, la zona è sottoposta ad un controllo continuo dal punto di vista ambientale e procede, per altri tre anni, come da progetto, la  bonifica della falda acquifera, per tutelare la salute dei cittadini.

La ditta che ha eseguito i lavori, ha concluso il progetto per cui si era aggiudicata l’appalto. Restiamo in attesa, in accordo con tutti gli enti coinvolti, di indicazioni, fondamentali dell’Istituto Superiore di Sanità. Appena le avremo ricevute, procederemo per portare a termine la bonifica e realizzare il parco urbano, come più volte ribadito. Quest’ultimo  restituirà ad un quartiere e ai suoi  cittadini,  che hanno subito in questi anni senza dubbio un forte disagio,  un’area verde pubblica a disposizione di tutti.

Nel frattempo chiederemo alla ditta che prima di lasciare il cantiere, faccia tutte le operazioni per dare un aspetto più decoroso all’area, quali controllo della geo-membrana, taglio dell’erba ed eliminazione delle pozze d’acqua che si sono formate con i lavori.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa