Dance Immersion Festival: XI edizione a Cagli dal 26 al 31 Agosto

Dance Immersion Festival: XI edizione a Cagli dal 26 al 31 Agosto

Dance Immersion Festival dedica alla Luna, ai 50 anni dallo sbarco, la sua XI edizione che si svolgerà a Cagli, dal 26 al 31 agosto, per una intensa settimana di eventi tra danza, musica e arte visiva con il coinvolgimento di giovani danzatori provenienti, quest’anno, anche da Lussemburgo, Belgio, Francia e Portorico

Una vera e propria immersione nella danza e nelle sue contaminazioni, per un Festival curato, da sempre, con passione dall’associazione Movimento e Fantasia sotto la direzione artistica di Benilde Marini, Membro del Conseil International de la Danse UNESCO, con la collaborazione di Bernard Shehu e Matteo De Simone.
Arte, musica, poesia e fotografia unite dal filo conduttore dell’arte coreutica che si fonde e si interseca nei diversi stili proposti da maestri di livello internazionale. Un festival che pensa ai giovani con uno staff di professionisti, coinvolti in realtà italiane e straniere strutturate e riconosciute. Anche quest’anno, ogni serata sarà caratterizzata da uno spettacolo o da una performance che coinvolge sia artisti emergenti che artisti già affermati, in un programma ricco che offre anche spunti di riflessione e interessanti esposizioni, presentazioni di libri e conversazioni.
 
Lunedì 26 agosto, alle ore 18, l’inaugurazione del festival è affidata alle 3 mostre in programma a Palazzo Berardi Mochi Zamperoli: “Disegni con la luce” di Flavia Mastrella (artista di grande talento e versatilità, nota anche per la sua collaborazione con l’attore Antonio Rezza); “A lei” di Giulio Serafini (artista incisore, che ha lavorato con Pomodoro e Valentini); “alla Luna” degli allievi degli Istituti Comprensivi di Piandimeleto e Sant’Angelo in Vado. Alle 19 sarà proiettato il film “Le voyage dans la lune” (1902) di Georges Méliès.
 
Martedì 27 e mercoledì 28 agosto, alle 18,30, a Palazzo Mochi Zamperoli, si terranno due incontri con Molisella Lattanzi: le stelle e le galassie sono la sua vita e di mestiere ha scelto la divulgazione scientifica, cioè spiegare ad adulti e ragazzi il mondo sopra la nostra testa con un planetario itinerante, una sorta di viaggio a tu per tu con i pianeti.
Alle 21.15 di martedì 27, nel Teatro Comunale, in programma uno spettacolo che unisce la danza al canto: “Canto alla luna”, con giovani allieve accompagnate da Davide Di Gregorio e Simone Oliva e la danza della Mef ensemble nella coreografia Irene Calagreti. La sera di mercoledì 28 invece, (sempre alle 21.15 a teatro) la danza si unirà alla lettura in “Il festival legge Leopardi” con la presentazione di Matteo De Simone e la partecipazione di alcune soliste del Festival.
 
Atteso, giovedì 29 agosto, il Nuovo Balletto di Toscana, diretto da Cristina Bozzolini, con lo spettacolo “Pulcinella, uno di noi”, in programma alle 21.15 al Comunale.
Lo spettacolo è una sintetica rivisitazione in chiave contemporanea del personaggio di Pulcinella nelle sue relazioni con una serie di altri protagonisti del suo mondo, a prescindere da una impostazione troppo narrativa, ma non senza riferimenti al mondo settecentesco nel quale si afferma questa maschera assunta ad immagine universale. Ciò in sintonia con gran parte della partitura composta da Igor Stravinskij, con interpolazioni di brani composti anche da Giovan Battista Pergolesi. In scena 11 danzatori, nella creazione coreografica di Arianna Benedetti e la scrittura drammaturgica di Andrea Di Bari.
Nel pomeriggio di giovedì, da segnalare la conversazione, alle 18 a Palazzo Mochi Zamperoli “Leopardi la luna l’amore” a cura di Antonella Accili, per una nuova lettura del sommo poeta di Recanati, al di là del pessimismo.
 
La giornata di venerdì 30 sarà molto importante per tutti i danzatori partecipanti al festival. Dalle ore 20, nel teatro Comunale, si terranno le audizioni per le borse di studio annuali in 3 prestigiose realtà italiane: la Scuola di Balletto di Toscana e di Roma e il Nuovo Balletto Classico di Reggio Emilia, in presenza dei direttori responsabili dei 3 istituti.
Nel pomeriggio, alle 18 a Palazzo Mochi Zamperoli, si terrà l’ultima delle conversazioni di questa XI edizione: “Ma per fortuna è una notte di luna, e qui la luna l'abbiamo vicina", da Le illusioni perdute e la luna, a cura di Matteo De Simone, specialista in psichiatria, esperto studioso del rapporto tra psicoanalisi e arte.
 
Sabato 31 agosto, l’appuntamento sarà a teatro (h21.15), con il Gran Gala di chiusura del Festival che prevede l’esibizione di tutti gli allievi presenti agli stage.
 
Shooting in the moon
Da martedì 27 agosto, nel cortile di Palazzo Mochi Zamperoli, inizia un curioso work in progress, in collaborazione con il Foto Club Cagli: tutti i giorni del festival, alle ore 17, ogni fotografo allestirà un particolare set ispirato alla luna “Shooting in the moon”, nel quale tutti potranno essere ritratti, per foto uniche e originali a contatto con la luna.
 
Info: pagina FB movimento e fantasia, www.movimentoefantasia.it,  mail movimentoefantasia@libero.it , telefono 393.9690277

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • maestrale concorso
  • TEKNOIMPIANTI
  • brx
  • confcommercio
  • MAESTRALE ISTITUZIONALE
  • hotel alexander
  • panicali trebbi
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa