Dal sapere al ‘saper fare’: Confartigianato all’Istituto Benelli di Pesaro per costruire percorsi di alternanza scuola – lavoro

Dal sapere al ‘saper fare’: Confartigianato all’Istituto Benelli di Pesaro per costruire percorsi di alternanza scuola – lavoro

Visita dei laboratori e interesse da parte degli imprenditori a ospitare studenti in azienda

Una delegazione di imprenditori del Comitato territoriale di Pesaro e di funzionari della Confartigianato, guidata dal Vice Segretario Marco Pierpaoli, alla presenza di  Bruno Ricciardelli membro di giunta, Enrico Mancini presidente del Comitato Confartigianato e Silvana Della Fornace responsabile Confartigianato zona di Pesaro,  Luca Bocchino responsabile orientamento – scuola lavoro, è stata ospite dell’I.P.S.I.A “G. Benelli” di Pesaro e, accolta dalla dirigente scolastica Anna Maria Marinai, ha visitato i laboratori di chimica, odontotecnica, benessere, meccanica, meccatronica auto e riparazioni di biciclette e ciclomotori.

Tutte strutture all’avanguardia, dotate di tecnologie avanzate, come spettrometri per la chimica alimentare, SAS (strumentazione di controllo dell'aria) per l’impiantistica, sistemi di taratura di impianti a gas per auto, scanner a colori per il settore odontotecnico.

Nel corso dell'incontro imprenditori e docenti si sono confrontati sui temi dell'alternanza scuola/lavoro: le parti hanno condiviso l'importanza reciproca del coinvolgimento di imprenditori presso le scuole e degli alunni presso le imprese, in forza della nuova norma L.107/17 cosiddetta "Buona Scuola" che eleva a 400 le ore di alternanza per ogni ragazzo iscritto al triennio finale, e, da parte degli stessi imprenditori presenti, è stato espresso grande interesse ad ospitare i ragazzi presso le proprie aziende. Una opportunità per i ragazzi di sperimentare il saper fare  e di entrare in contatto con le aziende ed il mondo produttivo.

Secondo la Confartigianato l’alternanza scuola/lavoro deve diventare lo strumento principale per allineare le conoscenze trasmesse dal sistema scolastico alle competenze richieste dal mondo del lavoro così come il tirocinio e l’apprendistato devono essere i principali canali di accesso al mercato del lavoro da parte dei giovani.

Le micro e piccole imprese del territorio possono fornire un valido supporto affinché tutto ciò si realizzi, sia come strutture ospitanti, in quanto costituiscono un centro di apprendimento, disciplina e metodo, sia portando nelle scuole le loro testimonianze e le eccellenze dell’artigianato.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • maestrale istituzionale
  • labirinto
  • cna
  • confcommercio
  • amat
  • hotel alexander
  • aset
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa