Confartigianato con il sindaco di Urbino a sostegno dei progetti di riqualificazione dell'area periferica

Confartigianato con il sindaco di Urbino a sostegno dei progetti di riqualificazione dell'area periferica

6,5 ml per la riqualificazione dell’area di Ponte Armellina e le incompiute nell’area di Canavaccio

Davide Santi presidente di Confartigianato Imprese Territoriale di Urbino esprime le proprie preoccupazioni per il possibile rinvio del Bando delle periferie al 2020 che sarebbe ingiusto ed incomprensibile dato che Urbino e l’area del Montefeltro ne subirebbe forti ripercussioni.

Il rinvio dei finanziamenti, dopo la firma degli accordi, tra Comune di Urbino  e loStato, dei relativi contratti contenenti il cronoprogramma, e con la consegna dei progetti sarebbe un grave colpo per il territorio del Montefeltro. Se sono necessari aggiustamenti tecnico-giuridici ai contenuti del Bando si facciano ma senza rinviare l'erogazione dei fondi che per l’area dell’Urbinate raggiungono oltre 6milioni cinquecento mila euro a fondo perduto la cui indisponibilità porterebbe all'annullamento dei progetti già presentati riguardanti il completamento del progetto di riqualificazione dell’area di Ponte Armellina e gli interventi di completamento delle incompiute nell’area di Canavaccio. A tal proposito Confartigianato vuole sostenere l’amministrazione di Urbino, la cui partecipazione al tavolo consultivo tenuto ad Ancona dimostra l’attenzione e la sensibilità del sindaco Maurizio Gambini sulla questione ed intende appoggiare le iniziative  che il Comune di Urbino intenderà attivare anche sulla scia di quanto già intrapreso nel pesarese per l’ottenimento delle risorse previste, assolutamente necessarie per lo sviluppo e rilancio dell’entroterra.

Inoltre, Confartigianato evidenzia che i lavori sono suddivisi in diverse tranche e gli appalti sarebbero sotto la soglia europea, permettendo così anche ad imprese locali di poter partecipare. Per l’economia locale composta da piccole e medie aziende particolarmente ricca nel settore delle costruzioni  –sostiene Davide Santi presidente di Confartigianato Urbino, è fondamentale dare avvio ai lavori a progetto sia per creare reali miglioramenti alla qualità della vita e degli ambienti in cui viviamo ma anche per creare nuove opportunità di lavoro per il sistema imprenditoriale locale. Dare poi spazio alle imprese del nostro territorio, prosegue Santi di Confartigianato, è assolutamente indispensabile. La ripresa dei lavori pubblici e la realizzazione di opere importanti non lo è solo per la città di Urbino ma è fondamentale per tutto l’entroterra.

Confartigianato ritiene che i bandi per la riqualificazione delle aree interne sono una reale concreta opportunità di crescita per tutti.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • maestrale istituzionale
  • labirinto
  • brx
  • mm servizi
  • MAESTRALE ISTITUZIONALE
  • hotel alexander
  • aset
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa