Centro regionale autismo, Biancani: «Risorse stanziate da due anni, le famiglie hanno bisogno di questo servizio»

Centro regionale autismo, Biancani: «Risorse stanziate da due anni, le famiglie hanno bisogno di questo servizio»

Sollecitata nuovamente la realizzazione dei due centri diurni regionali a nord e a sud delle Marche. A Pesaro individuato un immobile dell'Asur in via Vatielli, a disposizione 400mila euro, prossimo passo è il bando regionale

Il consigliere regionale Andrea Biancani (Pd) torna a sollecitare la realizzazione del Centro regionale per l'autismo. Questa volta, dopo due interrogazioni, presenta una mozione, firmata anche dal consigliere Gianluca Busilacchi (Art.1). «Nell'atto di indirizzo - spiega Biancani - chiediamo tempi celeri, visto che sono già trascorsi due anni dal momento in cui sono state stanziate le risorse per realizzare i centri specifici nel Nord e nel Sud delle Marche, così come previsto dalla legge regionale del 2014 sui disturbi dello spettro autistico, una delle prime in Italia». I due nuovi istituti andrebbero ad affiancare quello di Jesi, in zona Azzaruolo, in modo da assicurare un servizio omogeneo su tutto il territorio, e il totale dei fondi regionali già stanziati nel Bilancio 2017 per realizzarli ammonta a circa 800mila euro, 400.000 per ognuno. «Le due strutture fungeranno da centro diurno, residenziale e di sollievo - entra nel merito Biancani -. Al loro interno le persone autistiche di ogni età potranno trovare cure adeguate e le famiglie potranno essere un po' alleggerite dal carico psicologico e fisico dell'assistenza». Per quanto riguarda il centro a Nord, è stato individuato a Pesaro un edificio di proprietà dell'Azienda sanitaria situato in via Francesco Vatielli. «Quasi un anno fa, più esattamente lo scorso gennaio - ricorda Biancani - abbiamo fatto un primo sopralluogo nello stabile e successivamente ho organizzato diversi incontri con tutti i soggetti interessati, l'Ambito territoriale sociale 1, l'Area Vasta 1, l'Asur e i servizi sanità e politiche sociali della Regione, coinvolgendo anche il Presidente Luca Ceriscioli, determinato come me a portare a termine questo progetto». «L'Area Vasta 1 e l'Asur hanno già individuato il percorso da seguire - conclude il consigliere -, ma prima occorre completare le procedure che sono di competenza regionale, in particolare del Servizio Salute. L'obiettivo era quello di fare il bando entro l'estate del 2019 e mi ero personalmente impegnato con le famiglie per tenere fede a questa scadenza. Ad oggi il bando non è stato ancora fatto, per questo ho ritenuto opportuno presentare una mozione per coinvolgere il Consiglio regionale e richiedere un'accelerazione a chi deve definire gli atti necessari. Chiedo scusa alle famiglie per questi ritardi, garantisco però la mia risolutezza nel continuare a chiedere che il servizio venga attivato quanto prima».

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa