Centri diurni per disabili: momento di confronto su criticità e potenzialità

Centri diurni per disabili: momento di confronto su criticità e potenzialità

Incontro nella sala del Consiglio comunale

“I Centri diurni per disabili – sottolinea l’assessore alla Solidarietà del Comune di Pesaro, Sara Mengucci -, sono tra i servizi più importanti del nostro Comune. Oggi abbiamo avuto l'occasione di confrontarci, di valutare strategie migliorative e valorizzare questo settore grazie alla realizzazione di una ricerca dell'Università di Urbino – Dipartimento di Economia, Società, Politica, in collaborazione con Ambito Territoriale Sociale 1, l’ASUR e i soggetti del terzo settore del nostro territorio.  La presentazione del report è stata l'occasione per evidenziare sia le criticità che i punti di forza, per favorire un percorso condiviso con le famiglie e processi di inclusione sociale.”

Nove i centri coinvolti:

Giardini – AIAS
T41 . Coop T41A
Il Gabbiano – ASUR
Il Mosaico – ASUR
Pegaso – ASUR
Villa Vittoria – Comune di Pesaro
Movimhandicap – Comune di Pesaro
Viale Trieste – Comune di Pesaro
Via del seminario - CeIS

 Nell’anno 2017, la spesa complessiva per i centri socio-educativi riabilitativi è stata di 2.495.885,55 euro per un totale di 144 soggetti che usufruiscono dei servizi diurni.
 
La “filosofia” di base che guida il tipo di attività si può riassumere in 3 tipologie di approccio:

Lavoro e autonomia: sono i centri che accolgono persone con disabilità non eccezionalmente grave e puntano ad attività simil-lavorativi/inserimenti lavorativi promuovendo percorsi che mirano ad acquisire maggior autonomia possibile;
Creatività e benessere:  sono i centri che accolgono persone con disabilità psico-fisica grave, spesso con forti limitazioni motorie. Il percorso propone attività in grado di donare sollievo e migliorare le capacità espressive e comunicative dei soggetti;
Dinamicità e apertura al territorio: sono i centri che accolgono diverse tipologie di persone e promuovono attività di apertura al territorio, con lo scopo di far uscire la disabilità dall’invisibilità.

“Molti i temi toccati nel percorso di ricerca tra problematicità e punti di forza, e da qui dobbiamo ripartire – conclude l’assessore Sara Mengucci -  questo pomeriggio di lavoro, condiviso con operatori del settore e famiglie, deve trasformarsi in un trampolino di lancio per nuovi obiettivi e nuovi traguardi.  Un particolare ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla ricerca e alla realizzazione di questo bel momento di condivisione”.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa