Candele a Candelara, il week-end dell’Immacolata chiude con quasi 10 mila visitatori

Candele a Candelara, il week-end dell’Immacolata chiude con quasi 10 mila visitatori

Bilancio positivo anche per il terzo fine settimana. Intanto ci si prepara per la chiusura (14 e 15 dicembre)

Il terzo week-end di Candele a Candelara si chiude con oltre 9mila visitatori (80 pullman e 150 camper). Rovesciate le previsioni della vigilia che davano un sabato con maggiore afflusso rispetto all’Immacolata. E invece il counter all’ingresso ha totalizzato 4.300 visite il sabato e quasi 5mila nella giornata di oggi.
 
La prima festa italiana dedicata alle fiammelle di cera attira sempre tanti visitatori; fino ad ora quasi 26mila totali per questa sedicesima edizione. E’ soddisfatto il direttore artistico Piergiorgio Pietrelli. “Quest’anno stiamo ricevendo tanti complimenti, per l’organizzazione, per la vivibilità della festa, per la sicurezza e anche per i contenuti artistici, le attrazioni, gli spazi dedicati ai bambini, per le specialità gastronomiche. Chi viene a Candelara e ci torna ogni anno e trova sempre qualcosa di nuovo. Il nostro obiettivo è quello di continuare a migliorare e a qualificarci”.
 
Intanto a Candelara ci si prepara per l’ultimo scoppiettante week-end (14 e 15 dicembre), quello più a ridosso del Natale. Sarà l’ultima occasione anche per i pesaresi di vedere come è cambiata negli anni Candele a Candelara. A pieno regime la grande struttura riscaldata con i piatti della tradizione locale: polenta con i funghi, cannelloni, ravioli con funghi e salsiccia, cappelletti in brodo, baccalà con le patate, pasticciata ed erbe cotte, carne alla brace, piadina, olive fritte, frittelle di mele, caldarroste e vino novello a volontà.
Successo per il trenino con il quale è possibile effettuare un mini percorso di visite guidate partendo dalla suggestiva Pieve del XII secolo. Seconda tappa a Villa Berloni del Cinquecento (oltre alla visita guidata è possibile prenotare pranzo e cena a lume di candela nella splendida villa), e infine il Museo del telaio e del ricamo dove i visitatori potranno riscoprire l’antica tradizione della lavorazione di tessuti con telai dei primi del Novecento e conclusione del percorso all’ingresso della festa.
 
E infine tante attrazioni per i più piccoli. Nella magia della festa il giardino di San Francesco offre ai suoi visitatori giochi ed animazioni curate dall’associazione Teatro dei Bottoni.  Nel parco personaggi di fiaba e cantastorie tra cui "Il Teatrino delle storie di Natale"; il Carillon di Schiaccianoci che attende solo che un bimbo gli dia la carica per prendere vita e cantare; la Signora Natale (la moglie di Babbo Natale), che aiuta i bambini a scrivere la letterina per Babbo Natale e spedirla subito al Polo Nord.
 
Ed ancora il mistero dello specchio di ghiaccio. L’albero dei sogni bambini, un albero che aspetta tutti i tuoi sogni per illuminarsi. La casetta delle storie piccine picciò. E tanto altro ancora.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

  • maestrale
  • labirinto
  • cna
  • brx
  • mm servizi
  • dal 3 luglio
  • hotel alexander
  • aset
Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa