Biancani: "Erap, via libera per il recupero dell'edificio incompiuto di Vismara"

Biancani:

Entro gennaio si chiude anche la gara per il recupero di Palazzo Aymonino

Quartiere Vismara. Al via l’intervento, molto atteso dall’amministrazione comunale e dai residenti del quartiere di Vismara, da parte dell’Erap per recuperare ventitré alloggi con un impegno di spesa di novecento e cinquanta mila Euro.

“Recuperare e riqualificare le aree a rischio degrado - afferma Andrea Biancani, Presidente della Commissione regionale Ambiente e territorio - significa accrescere la qualità dell’habitat in cui si vive e soprattutto riconsegnare ai cittadini un luogo che stava creando disagio ai residenti del quartiere per la mancanza di cura e manutenzione. L’Erap ha individuato, dopo la gara, l’impresa che già prima delle festività natalizie potrà improntare il cantiere e iniziare i lavori.”

L’operazione che rappresenta un vero e proprio intervento di riqualificazione urbana è giunta a compimento grazie all’accordo tra il Comune di Pesaro e l’Erap Marche, Presidio di Pesaro, che ha messo a disposizione novecentocinquanta mila Euro che consentiranno, attraverso un progetto di riqualificazione, di far ripartire i lavori sospesi del fabbricato a causa della rinuncia, da parte della cooperativa che aveva iniziato i lavori, a completare l’intervento.

“Desidero ringraziare il Comune e l’Erap – prosegue Biancani – che hanno permesso, grazie alla convenzione, di far ripartire il cantiere e quindi di scongiurare una incompiuta nel quartiere. Questo testimonia come la sinergia e la collaborazione tra istituzioni ed enti spesso portano a risolvere i problemi. La collaborazione è stata un elemento fondamentale.”

L’Erap di Pesaro ha avviato anche la gara, che si concluderà entro gennaio 2017, per il recupero di palazzo Aymonino, in Via Mazza. Questo consentirà di disporre di altri trentaquattro alloggi con un impegno di spesa per due milioni e cinquecento mila Euro, risorse che l’Ente regionale per l’abitazione pubblica ha recuperato con l’alienazione di appartamenti di sua proprietà reinvestendo le risorse ottenute per mettere a disposizione dei cittadini nuovi alloggi.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa