Bar e ristoranti chiedono a gran voce la riapertura. L’appello della CNA “anticipare il prima possibile”

Bar e ristoranti chiedono a gran voce la riapertura. L’appello della CNA “anticipare il prima possibile”

Le imprese sono allo stremo: “Riaprire in sicurezza ma farlo il prima possibile, magari già dal 18 maggio”

Le categorie si ribellano contro il lock down prolungato fino ai primi di giugno. Dopo estetiste e parrucchieri, sono bar e ristoranti a mobilitarsi ed a chiedere di anticipare la riapertura a metà maggio. Uno spiraglio sembra arrivare dalla decisione del Governo di differenziare le aperture su base regionale dal 18 maggio, sulla base dell'andamento dei contagi. Un impegno ad anticipare la riapertura è stato preso dal Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, previa redazione di protocolli di sicurezza in   collaborazione con le associazioni di artigiani e commercianti.
E la CNA di Pesaro e Urbino, che ha appena finito di ottenere spiegazioni relativamente alle modalità di asporto si augura ora che sia possibile quanto prima riaprire al pubblico gli esercizi di ristorazione  perché un altro mese di blocco sancirebbe una condanna a morte per l'intero settore. Un settore che raggruppa ristoranti, bar, catering a cui si aggiungono pizzerie e rosticcerie. E poi una ulteriore chiusura prolungata significa anche   nessun canale di sbocco per l'agroalimentare, per il vino, l'olio, i formaggi ecc."
Le imprese della ristorazione sono ormai allo stremo delle forze e le loro condizioni finanziarie sono così gravi da destare preoccupazione anche sul fronte della tenuta sociale di scelte scellerate come quella di una chiusura così prolungata.   
"Le imprese - precisa CNA - non riusciranno a resistere ancora per molto. La disperazione si sta trasformando in rivolta.
Chiediamo alla Regione Marche di   attuare quanto annunciato da Ceriscioli nell'incontro con le categorie "rassicurando le imprese sulla definizione di una prossima, e certa, riapertura. Dal punto di vista della sicurezza le imprese sono pienamente coscienti ed informate, e rispettose delle indicazioni del Governo"
Tra bar, ristoranti e catering le imprese della ristorazione in provincia sono oltre 2mila con 5mila addetti. Tra dicembre e marzo il settore ha perso oltre 60 attività. Sul territorio regionale ci sono 5.043 ristoranti, 3.242 bar e 70 imprese di catering. A queste vanno aggiunte 1.220 tra pizzerie, rosticcerie e friggitorie artigiane con 4 mila addetti. Si tratta di un pezzo importante dell'economia regionale che rischia di non riaprire mai più.
"Per le nostre imprese riaprire – conclude la CNA - non vuol dire pieno esercizio dell'attività che forse avremo fra un anno, significa riadattare il proprio locale alle nuove indicazioni sanitarie, pagare i debiti, buttare la merce in magazzino invenduta o scaduta, rassicurare i propri dipendenti e la propria famiglia e poi decidere come e se andare avanti."

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa