Arriva una legge regionale sulla promozione del libro e della lettura

Arriva una legge regionale sulla promozione del libro e della lettura

A firma del vice Presidente del Consiglio regionale Renato Claudio Minardi: “Incentiviamo la lettura, fattore chiave per lo sviluppo della persona nella comunità del futuro”

Negli anni delle celebrazioni di Rossini, Leopardi e Raffaello, la cultura è stella polare della politica della Regione Marche. A consolidare e evidenziare questa direzione la proposta di legge, appena depositata, dal vice Presidente del Consiglio regionale delle Marche, Renato Claudio Minardi, sulla promozione del libro e della lettura: “E’ necessario lavorare su una legge innovativa – dichiara il vice Presidente Minardi - per incentivare la lettura, fattore chiave per lo sviluppo della persona nella comunità del futuro”. La proposta di legge di Minardi, sottoscritta anche dal Presidente del Consiglio Antonio Mastrovincenzo e dal Presidente di I Commissione, Francesco Giacinti, ha come finalità quella di promuovere la diffusione del libro e della lettura quale strumento fondamentale della crescita culturale e sociale dell’intera comunità marchigiana. “La lettura  - dichiara Minardi - ha un ruolo fondamentale per lo sviluppo del pensiero critico e dell’autonomia di giudizio nonché per la diffusione della cultura e della promozione del progresso civile. La legge si inserisce perfettamente in una regione dove la cultura è parte integrante del modus operandi, dello stile di vita, e del tessuto economico regionale". Una regione, inoltre, che celebra la lettura in numerosi eventi e festival culturali: Passaggi Festival e Letteraria a Fano, Urbino e le Città del Libro, Macerata racconta, per citarne soltanto alcuni. “Intervenire sulla promozione della lettura – continua il vice Presidente Minardi – significa intervenire sull’intero sistema culturale”. Recenti indagini hanno  rilevato che a leggere sono soprattutto i figli dei lettori. Tra i ragazzi di 6-14 anni legge il 75% di chi ha madre o padre lettore mentre, invece, legge solo il 34% di coloro che hanno entrambi  i genitori non lettori. “Senza adeguate politiche – sottolinea Minardi - l'esclusione culturale può influire negativamente sul nostro capitale umano con conseguenti ricadute sul futuro sviluppo economico e sociale del nostro territorio”. La legge promuove azioni che incentivano la lettura su qualsiasi supporto e nei diversi contesti della vita quotidiana. In particolare, sul modello virtuoso di “Nati per leggere”, prevede  iniziative di sostegno alla lettura rivolte ai  minori e alle giovani generazioni, interventi di promozione della  lettura in famiglia sin dai primi mesi di vita  o  in contesti sociali e  territoriali disagiati.  Mira, altresì, a introdurre azioni che supportano, attraverso la lettura, lo scambio interculturale e percorsi di cittadinanza attiva, intensificando l’attività delle biblioteche presenti nel territorio e a promuovere la frequentazione delle quelle che rappresentano contenitori culturali vivaci, ma anche spazi moderni attrattivi nonché di socializzazione. Pensiamo alla San Giovanni a Pesaro, la Fornace a Moie di Maiolati Spontini o la Memo a Fano. La legge presta molta attenzione alle nuove forme di comunicazione: come il sostegno alla digitalizzazione, il sostegno all'imprenditoria editoriale marchigiana e alle librerie indipendenti nonché alle imprese che contribuiscono alla diffusione del libro quale patrimonio culturale collettivo. Grande spazio è riservato agli eventi, manifestazioni, festival e premi che diffondono la cultura del libro e promuovono la lettura. Il programma che sarà approvato dalla giunta regionale avrà validità triennale.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa