Area floristica: il materiale naturale non deve essere rimosso dalle dune

Area floristica: il materiale naturale non deve essere rimosso dalle dune

Reginelli, Aset spa: «Pulizia rispettosa dell’ambiente»

Per il secondo anno consecutivo Aset spa ha assegnato alla coop Gerico la pulizia manuale delle spiagge e una cura particolare è stata riservata ai due chilometri di area floristica, a Fano tra Fosso Sejore e Gimarra. «Si attua una precisa scelta ambientale – afferma Paolo Reginelli, presidente della società per i servizi – quando si lasciano al loro posto piccoli rami o fusti di canna. Il materiale di origine naturale spiaggiato dalle burrasche è infatti considerato utile all’ecosistema delle dune costiere ed è proibito rimuoverlo. Gli operatori incaricati della pulizia si sono dunque attenuti in modo scrupoloso a disposizioni della Provincia che tutelano due chilometri di costa unici nel loro genere, dove tuttora cresce una vegetazione rara e fragile, altrove spazzata via dall’attività umana. Riassumendo, anche a beneficio dei tanti bagnanti che frequentano la zona protetta, si tratta di rispetto per l’ambiente e non di trascuratezza».

Una recente determina dell’Amministrazione provinciale, la numero 139 del 20 febbraio scorso, specifica quali caratteristiche debbano avere l’intervento di pulizia straordinaria, che precede l’inizio della stagione balneare, e gli interventi di carattere minore, che si potrebbero definire di mantenimento. Nel primo caso è possibile operare solo nel periodo compreso tra febbraio e aprile, al massimo per 7 giorni. I rifiuti antropici, derivanti dall’attività umana come cassette, lattine, bottiglie, boe o altro, devono essere rimossi a mano; se sono più ingombranti sono invece necessarie specifiche accortezze riguardo alla modalità dei lavori, al tipo di mezzi da utilizzare e ai loro percorsi, per evitare qualsiasi danno alla duna costiera. Gli stessi criteri si ritrovano quasi tutti nella gestione degli interventi minori: è comunque specificato che “i materiali spiaggiati di origine naturale non potranno essere rimossi”. L’eccezione è prevista in caso di accumulo eccessivo, comunque in accordo con la Provincia.
La pulizia manuale affidata alla coop Gerico riguardava i retro-spiaggia, la fascia a ridosso delle scarpate ferroviarie e appunto l’area floristica, tutti spazi dov’è impossibile l’usuale intervento meccanizzato.
 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa