"Amori maledetti, maledetti amori" in scena venerdì 23 febbraio al Teatro Comunale di Gradara

Nell’ambito della rassegna Teatri d’Autore organizzata da AMAT, con il sostegno della Regione Marche e dei Comuni della Rete.

di Ufficio Stampa

Amori maledetti, maledetti amori. È questo il titolo dello spettacolo in scena venerdì 23 febbraio al Teatro Comunale di Gradara nell’ambito della rassegna Teatri d’Autore organizzata da AMAT, con il sostegno della Regione Marche e dei Comuni della Rete.
 
Il progetto (concept e testi del giornalista, critico e autore Claudio Salvi), è un viaggio attraverso racconti immaginari di protagoniste della musica che hanno vissuto grandi amori ma che spesso dell’amore sono rimaste vittime; una storia di sogni spezzati, di passioni folli ma anche di lotte furibonde. 
Amori maledetti, maledetti amori è il racconto di solitudini e fragilità attraverso un affascinante percorso musicale che vedrà sul palco l’autore dei testi, Claudio Salvi assieme alle voci recitanti delle attrici Giulia Bellucci e Jessica Tonelli.
Nella sperimentata formula teatro-canzone, il progetto vede con loro sul palco un quartetto di formidabili musicisti formato da: Sarah Jane Ghiotti (voce solista); Clarissa Vichi (voce solista); Carlo Simonari (tastiere, fisarmonica, bouzouki e voci) e Simone Nobili (chitarre acustiche ed elettriche).
In mezzo a canzoni che hanno fatto la storia della musica, ri-arrangiate per l’occasione dagli stessi Carlo Simonari e Simone Nobili per l’interpretazione di Clarissa Vichi e Sarah Jane Ghiotti, le storie di otto indimenticabili interpreti: Dalida; Edith Piaf; Joan Baez; Mia Martini; Loredana Bertè; Giuni Russo; Tina Turner ed Amy Winehouse.
Si tratta di veri e propri ritratti personali cui l’autore si è ispirato sulla base delle loro storie artistiche e personali. Voci a loro modo straordinarie e particolari; voci di donne che hanno segnato la storia e che hanno lasciato tracce indelebili nella musica del Novecento, così come in quella contemporanea.
Voci di artiste di successo accompagnate però da storie di vita e amori difficili, travagliati, turbolenti con finali spesso tragici. In tanti casi si è trattato di storie fatte di solitudini, di sogni e progetti spezzati. Ma anche di vittorie e di repentine sconfitte. In qualche caso di violenza e soprusi ma anche di fieri riscatti.
 
Informazioni: Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino 0721 3592515, 366 6305500 www.amatmarche.net, reteteatripu@amat.marche.it. Inizio spettacolo ore 21.15.
 

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa