AMAT tra i protagonisti della cultura europea

AMAT tra i protagonisti della cultura europea

Eccezionale vittoria di due importanti bandi internazionali

La progettualità dell’AMAT guarda all’Europa e l’Europa risponde. A conferma della capacità dell’ente marchigiano presieduto da Gino Troli e diretto da Gilberto Santini di realizzare nuovi progetti in un’ottica che non si limita ai confini nazionali e regionali, giunge l’eccezionale approvazione di due importanti progetti internazionali con partner europei di grande prestigio: il progetto Craft nell’ambito di Erasmus+ e Sparse nell’ambito di Europa Creativa.
 
In occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale (2018) il cui slogan recita “il nostro patrimonio culturale: dove il passato incontra il futuro”, il progetto Craft – della durata di 36 mesi fino ad agosto 2021 - intende rafforzare e sviluppare questa idea legando istituzioni deputate all’alta formazione, alla cultura e al design in una ricerca multidisciplinare congiunta che possa creare innovazione in ambito educativo, culturale e sociale. Partner del progetto insieme ad AMAT sono: AAU Aalborg University (Danimarca), Hans Thyge&Co (Danimarca), Universidad de Oviedo (Spagna), Universidade de Aveiro (Portogallo), Univerza V Ljubljani (Slovenia) e Randers+Radius (Danimarca). Parole chiavi del progetto - che vedrà in Italia la propria attuazione nel Comune di Pesaro - possono essere sintetizzate con “triangolo della conoscenza”: innovazione, ricerca e formazione.
 
Sparse. Supporting & Promoting Arts in Rural Settlements of Europe vede la partnership di AMAT con Take Art Limited (Regno Unito), Sa Eesti Tantsuagentuur – National Dance Agency (Estonia), Fish eye (Lituania), Eurolocal (Spagna), Sogn og Fjordance FylkesKommune (Norvegia), Region Varmland Rw (Svezia) e Creative Kernow (Regno Unito). La durata del progetto è triennale, fino al 2021, e intende sviluppare l’audience development e la mobilità degli artisti attraverso tour di danza in aree rurali, con un intenso lavoro di coinvolgimento delle comunità territoriali anche nelle scelte artistiche e nella realizzazione degli eventi. L’AMAT con il progetto intende sviluppare connessioni con cinque luoghi da identificare nelle aree colpite dall’ultimo sisma.
 
Aggiornamenti su www.amatmarche.net.

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa