A Pesaro Città che Legge, sindaco e assessori con la Patente del Lettore

A Pesaro Città che Legge, sindaco e assessori con la Patente del Lettore

Al termine della giunta di oggi martedì 25 febbraio, sindaco e assessori hanno ricevuto la Patente del lettore

Oggi martedì 25 febbraio, ‘Pesaro Città che Legge’ ha consegnato la Patente del Lettore al sindaco e agli assessori della città, nuovi testimonial di una delle vocazioni forti scritte nel dna della comunità pesarese: quella alla lettura.
‘Città che legge’ dal 2017 - anno in cui questo riconoscimento è arrivato dal Centro per il Libro e la Lettura (CEPELL) istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo -, Pesaro promuove nel corso dell’anno tantissime iniziative e attività di formazione attorno ai libri. Strumento simbolico messo a punto per premiare chi legge, figura centrale di una società che crede nella lettura come valore ‘essenziale’ e pratica quotidiana indispensabile, la Patente del Lettore è realizzata nell’ambito del progetto “Patente e Libretto! Favorisca la Lettura!” finanziato dal Cepell ed è mutuata da ‘Adotta l'autore’, storico progetto locale che ha contribuito in maniera forte negli anni al consolidamento di programmi sulla lettura.
Chi vuole diventare lettore patentato può recarsi nelle biblioteche e nelle librerie che hanno sottoscritto il ‘Patto per la Lettura’ con il Comune di Pesaro. Come funziona la patente? La patente prevede 3 tipi di lettore: chi legge per sé (patente A), chi legge per sé e frequenta luoghi e attività di lettura (patente B: il Lettore Brillante), chi legge per sé, frequenta luoghi e attività di lettura e diventa lettore a voce alta per gli altri (patente C: il Lettore Altruista). In base alle attività che svolge e cui partecipa (presentazioni editoriali, letture ad alta voce, acquisto/prestito libri, incontri formativi), il lettore riceve punti sulla sua patente; il punteggio raccolto dà diritto ad agevolazioni sull’offerta culturale della città (spettacoli di prosa e danza, concerti, eventi espositivi, ingresso ai musei comunali); un risultato possibile grazie all’adesione al progetto di alcuni soggetti protagonisti della cultura del territorio - AMAT, Sistema Museo, Associazione Amici della Prosa/GAD - Festival Nazionale di Arte drammatica, Rossini Opera Festival, Mostra Internazionale del Nuovo Cinema, Orchestra Sinfonica Rossini, Ente Concerti -, oltre che di un privato già partner di Pesaro città che legge: la Farmacia Rossini.
 
La patente dura un anno e i timbri potranno essere raccolti fino al 31 dicembre 2020.
 
www.comune.pesaro.pu.it/cultura/pesaro-citta-che-legge/

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata.

Da Twitter

Da Instagram

Procedendo con la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito a fini statistici e per consentire un corretto funzionamento delle procedure di navigazione. Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, Leggi informativa estesa